La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Condividi con i tuoi amici

Foto – Gianluca Cabras

La cascata di San Valentino tra leggenda e devozione

Regalando Sardegna Oristano Banner

La Cascata di San Valentino, si trova nel paese di Sadali, al confine tra sud Sardegna e la Barbagia di Seulo.

Sadali è uno tra i tanti suggestivi borghi medievali della Sardegna e rientra nella lista dei “borghi più belli d’Italia”, ma ciò che rende questo luogo ancora più autentico e speciale, è una antica leggenda, che avrebbe fatto diventare questo piccolo borgo il paese degli innamorati, nonché il paese di San Valentino, tanto da divenire il santo patrono di Sadali, onorato e festeggiato ben 3 volte all’anno, il 14 febbraio ovviamente, l’8 maggio e il 6 ottobre.

SAN VALENTINO SU SANTU COIADORI

In Sardegna San Valentino è noto come su santu coiadori”, ovvero il santo che sposa, e l’unica chiesa in Sardegna intitolata a San Valentino, si trova proprio a Sadali.

LA CASCATA DI SAN VALENTINO A SADALI

Sadali, detiene anche un altro singolare primato, legato proprio alla Cascata di San Valentino che si trova nel centro storico del paese, ed è propria questa la caratteristica che la rende così speciale, in quanto è l’unica cascata in Sardegna che sgorga direttamente all’interno del centro abitato.

Le acque della cascata di San Valentino sono attive durante durante tutto l’arco dell’anno, e nella stagione delle piogge diventa qualcosa di spettacolare.

Il salto di circa 7 metri si lancia giù lungo un costone roccioso, ricoperto da muschi e altre piante acquatiche, rendendo l’atmosfera romantica e fiabesca.

La devozione dei sadalesi nei confronti di San Valentino, deriva da un’antica leggenda che si perde nella notte dei tempi

SAN VALENTINO LEGGENDA SARDA

Una leggenda locale narra che, tanto tempo fa un anziano vagava di paese in paese portando con se una piccola statuina di San Valentino, finché esausto il vecchio si fermò a Sadali per riposare, e decise di rinfrescarsi un pò con l’acqua della cascata.

Poggiò quindi la statuina per terra e una volta ristorato decise di ripartire e riprendere il suo cammino, ma nel momento in cui cercò di riprendere la statuina si rese conto che non riusciva più a sollevarla da terra. Nonostante tutti gli sforzi, non riusciva a muoverla dal punto in cui l’aveva poggiata, tanto che pensò che si fosse miracolosamente saldata al terreno.

E fu così che da allora, i sedalesi decisero di custodire gelosamente il simulacro e di costruire una chiesa in onore di San Valentino, oltre a dare il nome alla cascata.

Da quel momento in poi, la cascata di San Valentino, è diventata meta di tantissimi pellegrini, che si recano sul posto per chiedere la grazia del santo, chi in coppia per benedire l’amore già sbocciato, ma anche tanti cuori solitari che chiedono a San Valentino di aiutarli a trovare l’anima gemella.

Secondo la tradizione locale, chi scuote per 3 volte la statuina del Santo, ha buone probabilità di sposarsi.

Un’altra antica usanza, consiste invece nel bagnare la statua nell’acqua della cascata durante i periodi di siccità per propiziare la pioggia.

Unisciti al nostro nuovissimo  canale Whatsapp – Entra

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

Come arrivare alla cascata di San Valentino

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

Tradizioni della sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
Mano’s de Faina’s Pro S’affidu, matrimonio ittirese anni 50
Mano’s de Faina’s Pro S’affidu, matrimonio ittirese anni 50
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
“Su carr’e Nannai”, la leggenda del carro terrificante
“Su carr’e Nannai”, la leggenda del carro terrificante
Su Casizolu, storia, tradizioni e sapori antichi di un formaggio sardo
Su Casizolu, storia, tradizioni e sapori antichi di un formaggio sardo
Sa ‘ratzia vietata a Olbia, sparisce antica tradizione
Sa ‘ratzia vietata a Olbia, sparisce antica tradizione
Pellegrinaggio Sinnai – Bonaria 2024, riprende il cammino dei fedeli
Pellegrinaggio Sinnai – Bonaria 2024, riprende il cammino dei fedeli
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Ladiri e le caratteristiche case in terra cruda della Sardegna
Su Ladiri e le caratteristiche case in terra cruda della Sardegna
Su Nenniri – Riti e tradizioni di Pasqua in Sardegna
Su Nenniri – Riti e tradizioni di Pasqua in Sardegna
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Parastaggiu, l’antica piattaia sarda
Su Parastaggiu, l’antica piattaia sarda
Idee menù per la vigilia di Natale in Sardegna
Idee menù per la vigilia di Natale in Sardegna
Su Fastigiu, c’era una volta il corteggiamento in Sardegna
Su Fastigiu, c’era una volta il corteggiamento in Sardegna
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Il pane capovolto a tavola, ecco i motivi per cui non si fa
Il pane capovolto a tavola, ecco i motivi per cui non si fa
Andarinos di Usini – Un’antica bontà made in Sardegna
Andarinos di Usini – Un’antica bontà made in Sardegna
“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50
“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50
Halloween in Sardegna, tradizioni antiche per la notte dei morti e delle anime
Halloween in Sardegna, tradizioni antiche per la notte dei morti e delle anime
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *