Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Condividi con i tuoi amici

Foto – Gian Marco Frau

Su Lumarzu, la fonte sacra di Bonorva

Ucam banner

In Sardegna, da nord a sud esistono infinite tracce e testimonianze dell’antica civiltà nuragica, strutture che si ergono maestose e che ancora oggi, dopo millenni rappresentano il simbolo del passato e della storia di un popolo.

La Fonte Sacra Su Lumarzu, si trova nel territorio di Bonorva, a pochi minuti dal paese fantasma di Rebeccu un piccolo borgo medievale, che la leggenda narra sia colpito da una maledizione.

La fonte Su Lumarzu, conosciuta come fonte sacra o fonte nuragica, è una struttura di piccole dimensioni, ma ancora in uno stato di perfetta conservazione. Un vero e proprio gioiello storico, che si trova immerso in un paesaggio incontaminato e fuori dal tempo, tanto bello da sembrare quasi surreale.

LA FONTE SACRA SU LUMARZU

La struttura di Su Lumarzu è composta da un atrio e dalla fonte vera e propria dalla quale sgorga l’acqua sorgiva.
L’atrio è uno spazio rettangolare di m 5,15 per 1,80 circoscritto lateralmente da due sedili di pari lunghezza realizzati con blocchi di basalto e, nella parte sinistra, da una muratura da 2 x 3 m eseguita con conci ben squadrati disposti in filari regolari. Anche la pavimentazione risulta lastricata con blocchi dello stesso genere.

L’apertura trapezoidale di circa 0,65 x 0,64 metri ricavata in un lastrone, conduce al piccolo vano dove si raccoglie l’acqua; quella in eccesso invece defluisce attraverso una canaletta per essere poi convogliata in un condotto che percorre l’atrio in tutta la sua lunghezza.

Il vano interno che raccoglie l’acqua, ha una forma circolare che riflette la struttura della cupola, del diametro di m 0,97 e un’altezza di m 1,60; realizzato anch’esso con blocchi di basalto. La copertura a thòlos, tipica dell’età nuragica, è chiusa da un lastrone appoggiato di piatto. Nella faccia inferiore del lastrone è stata incisa una croce latina (non databile), probabilmente con lo scopo di cristianizzare un luogo di culto pagano.

Anche Su Lumarzu rappresenta una struttura in cui veniva sicuramente praticato il culto dell’acqua in Sardegna. L’acqua che sgorga dalla sorgente da millenni, è considerata sacra anch’essa.

Arrivare a Su Lumarzu non è complicato, infatti basterà lasciare la macchina nel piazzale della chiesa di Rebeccu, e proseguendo dritti, con la chiesa sulla sinistra, si giunge a un sentiero dove si trovano le segnalazioni per arrivano a Su Lumarzu. Proseguendo sul sentiero che passa attraverso il bosco, si giunge proprio davanti al cancello oltre il quale si troverà la fonte.

Unisciti al nostro nuovo canaleTelegram – Entra

Come arrivare a Su Lumarzu

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

SARDEGNA DA SCOPRIRE

Fonni: Il tetto della Sardegna tra neve, storia e tradizioni
Fonni: Il tetto della Sardegna tra neve, storia e tradizioni
Giganti silenti della Sardegna: i 32 vulcani dell’Isola
Giganti silenti della Sardegna: i 32 vulcani dell’Isola
Una casa dei Puffi in Sardegna, la Conca Fraicata di Monte Pulchiana
Una casa dei Puffi in Sardegna, la Conca Fraicata di Monte Pulchiana
Calasetta, il fascino del piccolo borgo bianco azzurro affacciato sul mare
Calasetta, il fascino del piccolo borgo bianco azzurro affacciato sul mare
Il golfo di Oristano con le sue 2 torri sorveglianti
Il golfo di Oristano con le sue 2 torri sorveglianti
2 luoghi spettacolari in Sardegna, dove festeggiare la giornata mondiale del bacio
2 luoghi spettacolari in Sardegna, dove festeggiare la giornata mondiale del bacio
L’Ardia di Sedilo, un viaggio adrenalinico tra fede e tradizione
L’Ardia di Sedilo, un viaggio adrenalinico tra fede e tradizione
La chiesa di Stella Maris, luogo iconico di Porto Cervo
La chiesa di Stella Maris, luogo iconico di Porto Cervo
Il fallo di granito di Capo Comino, il fascino della roccia tra natura e leggenda
Il fallo di granito di Capo Comino, il fascino della roccia tra natura e leggenda
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
Museo dei castelli di Burgos, un viaggio nella Sardegna medievale
Museo dei castelli di Burgos, un viaggio nella Sardegna medievale
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo

Animali della sardegna

Il piccolo Orecchione Sardo – Si può incontrare solo in 3 località della Sardegna
Il piccolo Orecchione Sardo – Si può incontrare solo in 3 località della Sardegna
Is Carradoris – Alla scoperta di un antico mestiere sardo
Is Carradoris – Alla scoperta di un antico mestiere sardo
La leggenda sarda de Sa Stria, presagio di morte e disgrazie
La leggenda sarda de Sa Stria, presagio di morte e disgrazie
Il satiro dei nuraghi, la farfalla che si trova solo su alcuni monti in Sardegna
Il satiro dei nuraghi, la farfalla che si trova solo su alcuni monti in Sardegna
Dalla Sardegna la storia di Muscione il gatto di Tavolara
Dalla Sardegna la storia di Muscione il gatto di Tavolara
Sa Genti Arrubia, l’altro popolo della Sardegna
Sa Genti Arrubia, l’altro popolo della Sardegna
Il Dogo Sardo – Storia e caratteristiche dell’antico cane sardo
Il Dogo Sardo – Storia e caratteristiche dell’antico cane sardo
A Tortolì un corso di formazione gratuito per proprietari di cani
A Tortolì un corso di formazione gratuito per proprietari di cani
La pernice sarda, vita e segreti di una specie protetta
La pernice sarda, vita e segreti di una specie protetta
Cicindela campestris saphyrina, il coleottero azzurro sardo
Cicindela campestris saphyrina, il coleottero azzurro sardo
“Adotta un cane” a Tissi, incentivi per i futuri proprietari
“Adotta un cane” a Tissi, incentivi per i futuri proprietari
Il Discoglosso sardo, un piccolo anfibio da tutelare
Il Discoglosso sardo, un piccolo anfibio da tutelare
L’asino bianco, incantevole animale simbolo dell’Asinara
L’asino bianco, incantevole animale simbolo dell’Asinara
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
La volpe sarda o ichnusae, la regina rossa dei boschi
La volpe sarda o ichnusae, la regina rossa dei boschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *