Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Condividi con i tuoi amici

Foto – Wikipedia

Su Pisitu aresti, sfuggente felino sardo rarissimo da incontrare

Cantine Sardus Pater Sant'Antioco

Oggi è la giornata nazionale del gatto e per celebrarla al meglio, parleremo del gatto selvatico sardo, meglio noto nell’isola come “Pisitu aresti

PISITU ARESTI NOME SCIENTIFICO

Pisitu aresti questo è il suo nome sardo più diffuso, il suo nome scientifico invece, è Felis lybica sarda o Felis silvestris sarda. La differenza tra i due nomi scientifici deriva dalle sue origini ancora non del tutto certe.

La collocazione sistematica del gatto selvatico sardo è infatti ancora incerta e controversa, nella letteratura ricorrono nomi scientifici riconducibili a tre differenti posizioni tassonomiche.

Una classificazione inquadra il gatto selvatico sardo come ecotipo appartenente alla stessa sottospecie di Felis silvestris lybica (Gatto fulvo d’Egitto o gatto africano). Un’altra classificazione considera il gatto selvatico africano (Felis lybica) una specie distinta da quello europeo (Felis silvestris) e il sardo una sottospecie del nordafricano (Felis lybica sarda).

Una terza collocazione, infine, considera il gatto selvatico sardo una sottospecie a parte (Felis silvestris sarda), derivata dalla lybica. Una collocazione più delineata si dovrebbe avere in futuro con la caratterizzazione genetica e la determinazione dei rapporti filogenetici.

COME SI CHIAMA IL GATTO SELVATICO IN SARDO

In Sardegna, il gatto selvatico sardo è  conosciuto con diversi nomi, in base alle diverse zone dell’isola, infatti anche se pisitu aresti è il nome più diffuso, viene chiamato anche:

  • Attu aresti

  • Gattagreste

  • Mucittu marrosu

  • Attu marruda

Su Pisitu aresti è una tra le specie selvatiche sarde più sfuggenti e rare da avvistare. Le sue abitudini lo rendono particolarmente introverso e diffidente in generale e ancora di più nei confronti delle persone.

Questo suo comportamento lo rende quasi impossibile da intercettare, infatti è difficile e altamente improbabile riuscire a fotografarlo nel suo ambiente naturale.

GATTO SELVATICO SARDO DESCRIZIONE

Il gatto selvatico sardo si distingue nettamente dal tipo continentale e deriva direttamente dalla specie nord-africana, si presume che la sua introduzione in Sardegna risalga all’epoca dei Fenici, che utilizzavano per prevenire le infestazioni dei ratti nelle navi.

Prevalentemente solitario, cacciatore infallibile e agile e veloce ad arrampicarsi sugli alberi. Non attivo nelle ore notturne nè in quelle soleggiate, preferisce l’alba e il tramonto, trascorrendo il giorno nella sua tana o nascosto tra la vegetazione. 

GATTO SELVATICO SARDO DIMENSIONI

Molto più robusto e forte rispetto ai gatti domestici,  su pisitu aresti raggiunge una lunghezza che va dai 50 ai 70 cm. La coda è lunga circa metà del corpo che termina di netto come se fosse tagliata.

Il mantello è striato con tonalità grigiastre. La testa è rotonda, il muso corto e poco appuntito, gli occhi grandi e frontali e le orecchie dritte e appuntite, che terminano con un caratteristico ciuffo di peli.

GATTO SELVATICO SARDO PESO

Rispetto al tipico gatto europeo, su pisitu aresti si differenzia per la mole più piccola. La femmina raggiunge circa 1,6 kg di peso, mentre il maschio varia tra i 3,1-3,3 kg di peso.

Altre diversità che spiccano sono, le caratteristiche del pelame, molto evidente è il ciuffo di peli alla punta delle orecchie, ma anche in altre parti del corpo, come il pelame della coda che risulta meno folto, e i peli dorsali, più lunghi di quelli laterali e ventrali.

La striatura della testa confluisce in una striscia che percorre lungo tutto il dorso fino alla coda. Dalla striscia dorsale ne partono altre trasversali, meno evidenti. La coda ha invece una striatura anulare.

HABITAT, ALIMENTAZIONE E RIPRODUZIONE

Su pisitu aresti, frequenta quasi esclusivamente zone montane e impervie, foreste soprattutto di latifoglie, con fitto sottobosco. Cacciatore nato, si nutre esclusivamente di vertebrati di piccola e media taglia vivi, preferibilmente topi selvatici, topi quercini e ghiri, piccoli passeriformi, rettili e anfibi. La pernice sarda, la lepre ed il coniglio rientrano nella sua dieta nei siti dove sono abbondanti.

Raggiunge la maturità sessuale a 9 mesi circa e l’accoppiamento avviene tra febbraio e marzo.

Solitamente avviene un solo parto all’anno e la gravidanza dura 8-9 settimane. I cuccioli, da 2 a 6 nascono in primavera, tra aprile e giugno e diventano indipendenti al terzo mese.

Su Pisitu aresti è considerata una specie rara a livello regionale ed europeo e gode di uno status di protezione definito dalla Legge n. 503 del 1981 Allegato III che recepisce la Convenzione di Berna.

La specie è minacciata dal bracconaggio, dalla frammentazione e dall’antropizzazione dei suoi habitat con conseguente possibilità di inquinamento genetico per la presenza di gatti domestici e di gatti inselvatichiti.

miti e leggende

Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
Il mistero del Capitano Looman, la sua lapide al cimitero monumentale di Bonaria
Il mistero del Capitano Looman, la sua lapide al cimitero monumentale di Bonaria
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie
Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie

CURIOSITA’

“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a  Cagliari
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a Cagliari
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *