pungas
Condividi con i tuoi amici

Is Pungas, amuleti di stoffa cuciti a mano dalle donne sarde

Massimo Vacca Tortolì

Tra i tanti portafortuna, amuleti e talismani sardi, uno dei più usati sono Is Pungas.

Is Pungas erano usate per scongiurare e allontanare la malasorte, ed erano oggetti molto richiesti e ricercati, già in tempi antichissimi. La tradizione orale racconta che abbiano origini precristiane, quindi pagane.

Is Pungas in uso ancora oggi, hanno l’aspetto di una piccola borsa, e sono solitamente realizzata in broccato o panno e cucite rigorosamente a mano. Di forme e dimensioni diverse tutte hanno una sorta di asola a un’estremità.

Avevano potere protettivo, e venivano utilizzate  principalmente per prevenire gli aborti, le malattie in genere, anche del bestiame, e come protezione contro le armi da fuoco o da taglio.

Erano inoltre considerate utili per tenere lontane le pestilenze, o per evitare l’aggravarsi di una qualsiasi situazione negativa.

Nonostante fossero oggetti legati al paganesimo, prima dell’inquisizione Is Pungas venivano realizzate anche da donne di chiesa, a cui in seguito venne proibito. Quelle realizzate dalle monache solitamente erano fatte con stoffe particolari provenienti da vesti di santi o di monaci.

La particolarità di questi amuleti è che al loro interno contengono reliquie sacre come medagliette, santini, o preghiere, dette brebus, ma possono anche contenere terra, polveri e altri elementi naturali come erbe, semi o fiori.

Il tutto veniva cucito e conservato per sempre all’interno de Is Pungas, infatti era assolutamente vietato aprire questi amuleti, perché avrebbero perso il loro potere e portato sciagure.

Nel caso queste fossero state aperte per qualsivoglia motivo, si doveva provvedere a ripristinarle riponendo al loro interno altri brebus.

Come nel caso de Is Pungas tramandate di generazione in generazione, che una volta ereditate potevano essere aperte per aggiungere altri materiali e preghiere.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Un pensiero su “Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto”
  1. Alcune mie considerazioni sull’argomento:
    1) Il “Vocabolarieddu Sardu-Italianu…”(derivato dal “Vocabolariu Sardu-Italianu” realizzato dal Canonico Giovanni Spano nel 1851-1852) a cura di Salvatore Colomo, Editrice Arch.Fotogr.Sardo-Nuoro 2006, al termine “Pùnga”, riporta testualmente: “sost. f. Log.Set.” traducendolo “Amuleto, magia”. Considerando che il citato “Vocabolarieddu” indica per ogni termine le varianti del Sardo (Sardo Logudorese, Sardo Settentrionale/Gallurese, Sardo Campidanese, Algherese), si dovrebbe pronunciare e scrivere “SAS (plurale f. in Sardo Log./Set.(e non IS, prettamente Sardo Camp.) PUNGAS”, visto che la parola è riportata per “Log.Set.”.
    2) Curiosando sul “Bocabolariu Sardu Nugoresu-Italianu…” di Luigi Farina curato da Antonio Farina ad “integrazione e rettifica” di quello precedente (Edizione Gallizzi di Sassari 1988), scopro che il termine è riportato direttamente al plurale, ovvero “Pungas” con la “u” non accentata e traducendo con “fatture”. Ne desumo che saranno… “Sas pungas”. Il testo ricorda che per contrastarne l’efficacia si utilizzano “Sas Fortilesas” che altro non sono “Sos Iscapolarios”. A tal proposito, ricordo che a Cagliari a noi bimbi del periodo ’45-’50, veniva posto al collo “Su scapulàri”.
    Queste mie piccole ricerche altro non sono che un inno ai suoni ed alle varianti scritte o pronunciate nella nostra Lingua madre: il Sardo.
    Cun su disigju de torrare a sa Patria, salurus a tottus e(t)innorabona.
    Beniaminu Agus
    Da-e su Continenti, Quattru Capudanne de su Duamitza-e-bintitres

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *