Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Condividi con i tuoi amici

In passato, il suo scopo era proteggere la "porta" di ingresso di Muravera

gm automar muravera banner 1

La Torre dei dieci cavalli o Torre della Porta, è dal punto di vista architettonico una delle torri costiere più belle e particolari dell’Isola.

Sicuramente è quella più originale dal punto di vista della forma. Per svolgere il suo ruolo, quello di proteggere l’allora ‘porta’ di ingresso al paese di Muravera, non fu costruita accanto ad esso, bensì letteralmente sopra. Infatti la torre dei Dieci Cavalli è conosciuta anche come torre della porta.

L’edificio sorge in località San Giovanni, in un punto che anticamente rappresentava un passaggio obbligato lungo la “strada reale” per raggiungere Muravera e i villaggi dell’entroterra del Sarrabus provenendo dalla costa meridionale, in quanto ai lati si trovavano stagni e aree paludose difficilmente percorribili.

Non è noto l’anno di costruzione, ma nel 1581 la torre risulta già essere in “servizio”, con funzioni di avvistamento e difesa leggera.

Deve il suo nome al fatto che era costantemente presidiata da una forza di dieci guardie a cavallo, pronte a galoppare per dare l’allarme nei villaggi vicini in caso di avvistamento di navi pirata. Le incursioni barbaresche rappresentavano, infatti, una piaga devastante nel Sarrabus tra XVI e XVIII secolo.

La fortificazione è costituita da tre elementi costruttivi.

Il primo è la porta vera e propria, larga nove metri, alta sei e profonda cinque.

I due lati della porta presentano archi di diversa forma: a sesto acuto nel lato in direzione Muravera, mentre il lato esposto a sud, da dove giungevano gli assalitori, presenta un arco ribassato e un restringimento, con stipiti e lastre infisse sul terreno.

La porta funge da basamento per la torre, alta circa sette metri e con pianta circolare. Il diametro è allineato a quello della porta. L’accesso avveniva da una porta collocata a ovest, mediante una scala che veniva poi ritirata all’interno.

Il terzo elemento architettonico sono i resti di una cortina muraria, visibili sul fianco occidentale della torre. Lungo la parete osserverai una serie di feritoie usate dalle guardie.

Il mare dista poche centinaia di metri, la lunga e stretta spiaggia di san Giovanni.

Grazie alle dimensioni non è mai troppo affollata e si caratterizza per sabbia chiara e soffice, per gli eucalipti a ridosso dell’arenile – sotto i quali troverai riparo nelle ore più calde della giornata – e per il mare cristallino dalle sfumature verde smeraldo. Accanto parcheggio, punti ristoro e noleggio attrezzature da spiaggia.

Circa 800 metri a nord della torre sorge l’edificio che ha dato il nome alla località, la chiesetta campestre di san Giovanni.

Di probabili origini bizantine, fu abbandonata e ristrutturata più volte, l’ultima nel 2005. La sua struttura in pietra, a pianta longitudinale, con architrave in legno e tetto a spioventi, è immersa nel verde.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Come arrivare alla Torre dei dieci cavalli

Scopri la sardegna

La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *