sant'antonio abate
Condividi con i tuoi amici

I Falò per la festa di Sant'Antonio Abate e la leggenda sarda di Sant'Antoni 'e su fogu

Sinergy system Quartu

In Sardegna è ormai tutto pronto per i falò di Sant’Antonio Abate, in moltissime località dell’isola già da diversi giorni si sono avviati i preparativi per la festa in onore del Santo, e da domani 16 gennaio, gran parte dell’isola sarà animata dai falò e dai riti del fuoco.

La magia di queste celebrazioni ha origini assai remote, anche se la festa si trova documentata solo dalla metà del XIX secolo.

Tutto ha avuto inizio dalle origini della narrazione della figura del Santo, in quanto si dice che Sant’Antonio Abate sia custode del fuoco e guaritore della malattia chiamata “fuoco di Sant’Antonio”.

LA LEGGENDA SARDA DI SANT’ANTONI ‘E SU FOGU

Da questo ha origini una leggenda sarda, che rielabora il ben più noto mito di Prometeo.

La leggenda narra che, in antichità, l’uomo, non conoscendo l’esistenza del fuoco, era costretto a sopravvivere al freddo, perciò Sant’Antonio Abate, mosso dalla compassione, decise di recarsi all’inferno portando con se il suo maialino. 

Una volta arrivato alle porte degli inferi, Lucifero e gli altri diavoli lo bloccarono impedendogli di proseguire, ma il maialino riuscì a infiltrarsi creando un gran subbuglio. I diavoli furono quindi costretti a far entrare anche il Santo, in modo che riprendesse il suo animale per portarselo via.

Approfittando di questo trambusto, Sant’Antonio Abate riuscì ad avvicinare il suo bastone di ferula alla brace, conservando al suo interno il fuoco: a quel punto recuperò il suo maialino ed uscì.

Una volta sulla terra, al santo bastò soffiare sul suo bastone per farne scaturire delle scintille che si sparsero per tutta la terra, donando un prezioso elemento agli uomini.

Esiste anche un vecchio detto sardo legato alla leggenda, che recita così: “Fogu, Fogu po su logu; Linna, Linna po sa Sardignache tradotto significa: “Fuoco, fuoco per ogni luogo; legna legna per la Sardegna“.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

sant'antonio abate

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *