Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Condividi con i tuoi amici

Foto – Francesco Canu

Il Ragno nuragico, scoperto solo pochi anni fa potrebbe essere un antico abitante dell'isola

Fit Beauty banner

Comunemente conosciuto come Ragno Nuragico, Ragno botola Nuragico o Ragno dei nuraghi, la scoperta di questa specie è stata annunciata nel 2014, esattamente 10 anni, in seguito a uno studio iniziato nel 2007.

Inizialmente il Ragno Nuragico, veniva spesso confuso con il Cyrtauchenius, un’altra specie di ragno molto simile, ma le ricerche sull’unicità delle specie hanno consentito di separare e distinguere le due specie, tanto da presupporre che il Ragno dei nuraghi possa rientrare nella categoria delle specie endemiche della Sardegna.

RAGNO NURAGICO NOME SCIENTIFICO

Il nome scientifico del Ragno Nuragico, è Amblyocarenum nuragicus. Il termine nuragicus sta a sottolineare il fatto che finora è stato avvistato soltanto in Sardegna e questo potrebbe determinarne l’endemismo.

RAGNO NURAGICO NOMI SARDI
  • Anche nell’isola si fa un pò di confusione con i nomi, ma probabilmente per un fatto di comodità il Ragno nuragico viene chiamato nelle diverse zone della Sardegna con nomi associati ad altri ragni, ossia:
  • Cubalciada 
  • Tuìga 
  • Ragna 
  • Aragna 
  • Aranzolu 
  • Tarràncu.
RAGNO NURAGICO ORIGINI DEL NOME

Il ragno botola nuragico, chiamato così in onore dell’antica civiltà nuragica che da tempi immemori ha popolato l’isola, si presenta come un ragno scuro di medie dimensioni

RAGNO NURAGICO DESCRIZIONE

Le dimensioni variano notevolmente tra esemplari maschi ed esemplari femmine, ma entrambi si contraddistinguono per il loro aspetto compatto, massiccio e pubescente.

Maschio: Dimensioni corporee tra i 13-17 mm, ragno dalle zampe allungate, con forti cheliceri neri, parte cefalica del cefalotorace rilevata, pubescente con fine peluria argentata, dai riflessi metallici anche verdastri negli individui vivi; fovea costituita da una fossetta molto profonda e lievemente ricurva. Arti bruni scuri, addome violaceo con una evidente chiazza chiara in zona cardiaca.

Femmina: Dimensioni corporee tra i 17-25 mm, ragno robusto e compatto, con forti cheliceri rossicci, parte cefalica del cefalotorace molto rilevata, lucida; fovea costituita da una fossetta molto profonda e lievemente procurva. Arti bruni scuri, addome grigiastro con una evidente chiazza chiara in zona cardiaca.

RAGNO NURAGICO – HABITAT, ALIMENTAZIONE E COMPORTAMENTO

Il Ragno Nuragico, essendo un ragno botola, vive in tane scavate nel terreno, scava i suoi cunicoli sia in piano che su piccoli terrapieni inclinati. Le tane possono raggiungere una profondità fino a 15 cm, con una sezione circolare del diametro di 15-20 mm e sono foderate internamente con seta bianca.

I cunicoli si presentano lievemente inclinati nel primo tratto, per poi curvare bruscamente verso il basso e presentare ostacoli sotterranei come pietre. L’ingresso è chiuso da un opercolo fatto di terra e tela, morbido e sottile, molto mimetico e simile ad una piccola radice nodosa affiorante.

A volte il Ragno Nuragico scava i suoi cunicoli sotto grosse pietre e in tal caso l’opercolo viene posizionato al confine tra il bordo della pietra e il terreno. Per la costruzione della tana predilige zone ombrose e umide, solitamente sotto cespugli, siepi e alberi, o comunque anche in terreni aperti dove però sono collocate nei pressi di grosse pietre, ceppi, vasi dei fiori.

Il Ragno Nuragico è sostanzialmente un animale notturno, la notte infatti è il momento in cui caccia appostandosi sotto alla botola e attendono il passaggio delle prede. Si ciba prevalentemente di piccoli invertebrati tra i quali crostacei isopodi.

Quando la preda giunge vicino all’ingresso della tana, viene catturata con un balzo fulmineo e trascinata all’interno del cunicolo.

I maschi adulti si avvistano solitamente nei mesi di luglio, agosto e settembre, quando vagano alla ricerca delle compagne e possono essere rinvenuti su strade, nei giardini, sotto le pietre e anche all’interno di case rurali. Durante il giorno normalmente cercano un riparo all’umido, costruendo una piccola tela cerulea, per poi spostarsi nelle ore notturne.

L’accoppiamento non è ancora mai stato osservato, ma probabilmente prevede un rituale preliminare da parte del maschio per farsi riconoscere dalla femmina.

Anche la durata della gestazione non è ancora nota, ma alcune femmine con piccoli sono state osservate in agosto. La sacca delle uova viene appesa all’interno del cunicolo della madre e dopo la schiusa i piccoli vi rimangono per un certo periodo di tempo. La modalità di “abbandono del nido” non è nota ma vista la grande densità di tane in certe aree si ritiene non avvenga per via aerea.

Il Ragno Nuragico, è stato rinvenuto dal livello del mare fino a circa 1086 m s.l.m. sia su terreno calcareo che granitico, ed osservato in diverse varietà di ambienti. In particolare, le tane sono state reperite su pareti di terra a bordo mare quasi tra gli scogli, pinete costiere, strisce tagliafuoco con vegetazione degradata e palme nane, aree rocciose, macchia mediterranea a lentischi, gariga, oliveti e giardini/orti di case rurali.

Allo stato attuale delle conoscenze la specie è endemica della Sardegna ed è l’unica del genere Amblyocarenum presente nell’isola, dove risulta abbastanza diffusa e localmente abbondante; non è da escludere però che ricerche future permettano di rinvenirla anche altrove, in particolare in Corsica o in Africa settentrionale.

miti e leggende

Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
Il mistero del Capitano Looman, la sua lapide al cimitero monumentale di Bonaria
Il mistero del Capitano Looman, la sua lapide al cimitero monumentale di Bonaria
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie
Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie

CURIOSITA’

“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a  Cagliari
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a Cagliari
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *