I Barracelli - Uno dei corpi di polizia più antichi d'Europa
Condividi con i tuoi amici

I Barracelli sardi, la storia della polizia rurale dal 1570 ad oggi

Dynamic auto Quartu

I Barracelli, possono essere considerati come patrimonio storico e culturale della Sardegna, in quanto la loro figura era già presente nella storia e nei documenti di oltre 500 anni anni fa.

I Barracelli sono il corpo di polizia più antico d’Europa, seguiti dal corpo di polizia regionale della comunità autonoma spagnola della Catalogna, i Mossos d’Esquadra, le cui origini risalgono al XVIII secolo, tra il 1719 e il 1721.

Per lungo tempo le due forze di polizia si sono contese questo importante primato, ma sembrerebbe non esserci più alcun dubbio, in quanto le origini dei Baraccelli si attesterebbero tra il 1560 e il 1570.

Il nome sardo è barratzellu o barracellu, tra le ipotesi più accreditate l’origine del nome barracello deriverebbe dallo spagnolo barrachel, che ha la stessa origine dell’italiano bargello. Ovviamente questa ipotesi risulta ampiamente plausibile, in quanto il lungo dominio spagnolo in Sardegna, ne ha influenzato sia la cultura che la lingua.

I barracelli sardi hanno avuto origine quasi sicuramente a Sassari e ad Alghero. La prima citazione significativa infatti, risale al 1572 – 1574, in un documento scritto dal Sindaco di Sassari, dove chiedeva al Parlamento  che “il sistema dei barrancelli” fosse esteso a tutta la Sardegna a causa del grave stato di ordine pubblico nelle aree rurali.

Il testo del Sindaco di Sassari era il seguente: “Affinché gli abitanti del Regno possano con più profitto occuparsi della coltivazione della terra ed essere signori dei loro averi, del bestiame, dei seminati e affinché i contadini possano con più sicurezza risiedere fuori dai centri abitati, per occuparsi meglio dell’agricoltura, del bestiame e delle altre attività piaccia a V.S. ordinare che nel resto del Regno, come già nel Capo di Logudoro, si istituiscano i barincellos ovvero justitia de campana, con la giurisdizione, i poteri e le altre cose che a V.S. sembreranno più opportune, affinché possano e debbano perseguire i ladri, i malfattori e i banditi che vanno per la campagna e che i salari dei detti barinjellos vengano tratti dalla summa del servei del parlament.”

I barracelli derivano da una forma spontanea di scolca risalente precisamente al periodo dei Giudicati, all’epoca infatti venivano nominati come juratos o jurados de logu.

Erano coordinati da un maiore de scolca che ne rispondeva direttamente all’antesignano dell’odierno Sindaco, il maiore de villa. Il “livello di attenzione” della vigilanza era garantito dal rischio patrimoniale che assumevano personalmente in quanto sin da allora sarebbe stato a loro carico il risarcimento dei danni eventualmente patiti dai proprietari dei terreni da essi vigilati, ove fossero stati derubati o altrimenti lesi.

Anche nel periodo aragonese, sotto il nome di Barrachellos, ebbero grande importanza in fatto di ordine pubblico e pubblica sicurezza, prestando servizio sempre nell’ambito del mondo rurale.

Anche durante la presenza dei Savoia in Sardegna, la presenza dei Barracelli fu di fondamentale importanza. Fu infatti deciso di affiancare i Barracelli ai corpi di polizia istituzionali.

La figura dei Barracelli fu regolamentata successivamente con il Regio Decreto del 14 luglio 1898 n. 403; ed infine la Regione Autonoma della Sardegna le ha ulteriormente regolamentate e organizzate con la Legge Regionale 15 luglio 1988, n. 25.

Ad oggi sono oltre 6.000 le donne e gli uomini dei barracelli sparsi in oltre 170 comuni della Sardegna, che garantiscono il servizio di polizia rurale iniziato oltre 500 anni fa. Un corpo di polizia estremamente essenziale per il nostro territorio, in quanto ricoprono svariate e molteplici compiti e funzioni, tra i quali:

  • polizia amministrativa
  • polizia giudiziaria
  • funzione di agenti di pubblica sicurezza

La normativa che disciplina le Compagnie Barracellari è la Legge Regionale della Sardegna del 15 luglio 1988, n. 25 avente ad oggetto “Organizzazione e funzionamento delle compagnie barracellari” che stabilisce i seguenti compiti:

  • salvaguardare le proprietà affidate loro in custodia dai proprietari assicurati, verso un corrispettivo determinato secondo le modalità previste dalla medesima legge regionale
  • collaborare, su eventuale richiesta di queste, con le autorità istituzionalmente preposte al servizio di protezione civile
  • prevenzione e repressione dell’abigeato
  • prevenzione e repressione delle infrazioni previste in materia di controllo degli scarichi di rifiuti civili ed industriali
  • salvaguardia del patrimonio e dei beni dell’ente comune di appartenenza, siti fuori dalla cinta urbana, nonché amministrazione dei beni di uso civico e di demanio armentizio, secondo le modalità da stabilirsi con apposita convenzione
  • collaborare, con gli organi statali e regionali, istituzionalmente preposti alle attività di vigilanza e tutela nell’ambito delle seguenti materie:
  1. salvaguardia del patrimonio boschivo, forestale, silvo-pastorale, compresi i pascoli montani e le aree coltivate in genere
  2. salvaguardia del patrimonio idrico, con particolare riguardo alla prevenzione dell’inquinamento
  3. tutela di parchi, aree vincolate e protette, flora, vegetazione e patrimonio naturale in genere
  4. caccia e pesca
  5. prevenzione e repressione degli incendi

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Curiosità, storia e cultura della sardegna

“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a  Cagliari
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a Cagliari
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna

modi di dire, detti e proverbi sardi

Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
La cingomma in Sardegna, e tutti gli altri nomi del chewing gum
La cingomma in Sardegna, e tutti gli altri nomi del chewing gum
Sa roba po certai, l’abbigliamento sardo per litigare
Sa roba po certai, l’abbigliamento sardo per litigare
Cosa vuol dire Mutziga surda, curioso modo di dire sardo
Cosa vuol dire Mutziga surda, curioso modo di dire sardo
Su tasinanta – Esiste solo in Sardegna e solo i sardi sanno cos’è
Su tasinanta – Esiste solo in Sardegna e solo i sardi sanno cos’è
Fai beni e bai in galera – Detti e proverbi sardi
Fai beni e bai in galera – Detti e proverbi sardi
Marrano a… Il guanto di sfida dei sardi
Marrano a… Il guanto di sfida dei sardi
Cosa vuol dire “Giai ses a frori” – Detti e proverbi sardi
Cosa vuol dire “Giai ses a frori” – Detti e proverbi sardi
Detti e proverbi sardi – Ecco cosa vuol dire “Est a culu trottu”
Detti e proverbi sardi – Ecco cosa vuol dire “Est a culu trottu”
“Is fillus de anima”, la vera solidarietà che non c’é più
“Is fillus de anima”, la vera solidarietà che non c’é più
Cosa vuol dire in sardo “Accabonu mannu” – Detti e proverbi sardi
Cosa vuol dire in sardo “Accabonu mannu” – Detti e proverbi sardi
Color ‘e pulixi – Una singolare tonalità di colore in Sardegna
Color ‘e pulixi – Una singolare tonalità di colore in Sardegna
Pagu genti, bona festa – Detti e proverbi sardi
Pagu genti, bona festa – Detti e proverbi sardi
Colori ‘e cani fuendi – Il colore indefinibile che tutti i sardi conoscono
Colori ‘e cani fuendi – Il colore indefinibile che tutti i sardi conoscono
“Centu concas, centu berrittas” identità di un popolo – Detti e proverbi sardi
“Centu concas, centu berrittas” identità di un popolo – Detti e proverbi sardi
“Is fillus de anima”, la vera solidarietà che non c’é più
“Is fillus de anima”, la vera solidarietà che non c’é più
Un pensiero su “I Barracelli – Il corpo di polizia più antico d’Europa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *