Est a culu trottu - detti e proverbi sardi
Condividi con i tuoi amici

Essere "a culu trottu", capita spesso il lunedì ma non solo, ecco il significato di questo detto sardo

erboristeria sanaflora 940 × 788

Est a culu trottu è una delle tante frasi che se non sei sardo ti viene difficile coglierne il senso.

In Sardegna infatti, esistono tantissimi detti, proverbi e modi di dire sia in lingua sarda che in italiano, che per chi non è nato e cresciuto in Sardegna, risultano essere di difficile interpretazione. Per esempio potrebbe anche capitare spesso di sentir dire alcune parole in italiano, che in Sardegna assumono un significato completamente diverso da come si intende nel resto della penisola.

Molti detti, modi di dire, o proverbi sardi, racchiudono insegnamenti dal significato antico e profondo, in modo particolare quelli che riguardano gli aspetti di vita di un tempo, che purtroppo si stanno via via perdendo. Ma ne esistono anche tanti altri, diciamo così, meno raffinati, come in questo caso, che si ispirano sempre alla vita di tutti i giorni, ma in chiave più allegra e divertente, e che fanno comunque parte del nostro parlato e vissuto quotidiano.

Est a culu trottu, tradotto in italiano, vuol dire letteralmente, “E’ a culu storto” che detta così per molti non ha alcun senso, ma per i sardi si traduce, con essere di malumore, cupi o un pò arrabbiati.

Per esempio, a chi non è mai capitato di svegliarsi la mattina di cattivo umore? Ecco che in casi come questo, in Sardegna potresti sentirti dire: “ti ndi ses pesau a culu trotu”? che significa Ti sei alzato a culo storto?”

Oppure ancora, quando capita di rispondere in modo scortese e sgarbato senza un valido motivo, potresti sentirti chiedere: “Itta sesi a culu trottu?” che tradotto vuol dire “Sei a culo storto?”.

Solitamente questo modo di dire, si usa per sdrammatizzare un momento di tensione, o rimettere in riga la persona che si rivolge a noi in modo antipatico o scontroso senza alcun motivo.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

Lo sapevi che?

Le Panas e la leggenda dei 7 anni di condanna dopo la morte
Le Panas e la leggenda dei 7 anni di condanna dopo la morte
Il pecorino più grande al mondo è sardo, il “Gigante del Cedrino”
Il pecorino più grande al mondo è sardo, il “Gigante del Cedrino”
Le “Janas”, creature magiche della mitologia sarda a metà tra fate e streghe
Le “Janas”, creature magiche della mitologia sarda a metà tra fate e streghe
I Barracelli – Il corpo di polizia più antico d’Europa
I Barracelli – Il corpo di polizia più antico d’Europa
La Divina Commedia in sardo, un capolavoro di Pietro Casu
La Divina Commedia in sardo, un capolavoro di Pietro Casu
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
Lo Spuligadentes – Curioso gioiello e amuleto sardo
Lo Spuligadentes – Curioso gioiello e amuleto sardo
Sa Genti Arrubia, l’altro popolo della Sardegna
Sa Genti Arrubia, l’altro popolo della Sardegna
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
Il Dogo Sardo – Storia e caratteristiche dell’antico cane sardo
Il Dogo Sardo – Storia e caratteristiche dell’antico cane sardo
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Samuele Stochino, la Tigre d’Ogliastra – Storia di un soldato diventato bandito
Samuele Stochino, la Tigre d’Ogliastra – Storia di un soldato diventato bandito
Le gemelle Pierangeli, dive del cinema anni ’50 nate a Cagliari
Le gemelle Pierangeli, dive del cinema anni ’50 nate a Cagliari
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
La pernice sarda, vita e segreti di una specie protetta
La pernice sarda, vita e segreti di una specie protetta
Le cascate di Sos Molinos, nel cuore del Montiferru
Le cascate di Sos Molinos, nel cuore del Montiferru
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
La famiglia Sodder, dalla Sardegna all’America, un caso mai risolto
La famiglia Sodder, dalla Sardegna all’America, un caso mai risolto
18 pensiero su “Detti e proverbi sardi – Ecco cosa vuol dire “Est a culu trottu””
  1. Adoro la lingua sarda e sottolineo lingua non dialetto, tutti i proverbi della Sardegna sono meravigliosi ed hanno un che di misterioso e armonioso allo stesso modo

    1. Hai ragione per tanti anni ho fatto fiere in tutta l’Italia con i prodotti sardi e nel mio stand figurava sempre una scritta .Sicchi sempre su caminu de SOS bezzos e piedi sempre azzudu a Deus ,ne uni ne
      Satteru a mai traittu nemmos.
      Spero ti piaccia. Mario Virdis

      1. Molto bello..e non l’avevo mai sentito.
        Segui sempre il cammino dei vecchi..e chiedi aiuto a Dio. Ne uno ne l’altro hanno mai tradito nessuno…

      2. Commovente..non lo conoscevo..da qualche tempo leggo I bellissimi libri di Dedola..un pozzo di conoscenze della nostra terra meravigliosa..

  2. EST-ËSHTË ,CULU-(KU-LU) MUOVE TROTTU -STORTO SHTRËMËR- . MODO DI DIRE in Albania, Buthë lëvizur. TINDI-TI NDI ,SESI-SE SI , PESAU-PE SA KU LU
    Tradurre in ITALIANO ,TU VEDI QUANDO TANTO MUOVE. Lingua SARDA e lingua dialettica dell’Albania centrale, come parla anche STELE DI NORA IN SARDEGNA. CI SALUTO.

  3. Per rispondere a chi ci risponde male,si usa anche dire (tindi se pesau a murrusu fredusu )ti sei alzato con le labbra fredde 💪😂

  4. A tenore e stampu ,su baballotti.
    Tradotto
    A grandezza del buco, l’insetto
    Che vuol dire , che non puoi far entrare un insetto in un buco più piccolo di lui , come cercare di infilare un piede grande in una scarpa piccola🤷

  5. Per favore, se scrivete in sardo, visto che siete una testata giornalistica, cercate almeno di scrivere a norma, non alla membro di segugio. Il sardo ha le sue regole di scrittura. Si scrive “ti ndi ses pesau a culu trotu”? “Est a culu trotu”. Ecc…
    Grazie.

  6. Io sono sardo mio padre era sardo mio nonno era sardo e sicuramente lo sono da più di sette generazioni. Però purtroppo in famiglia mio padre parlava sempre in italiano perché era un maestro nelle scuole elementari e ai suoi tempi era vietato a scuola parlare in italiano. Son cresciuto quindi senza saper parlare il sardo e a 35 anni da adulto l’avevo imparato da un amico di Burcei.

  7. Fintzas arrischendimì de parri chi a unu ca s’est “pesàu a culu trotu”, no potzu fai ca no m’istrobat lìgi “il resto della penisola”, a su mancu po giustèsa semàntica e, po mimi, prusaprestu po su discursu sociali e culturali. Iat essi prus adecuàdu nài “nella penisola”, ca funti cosas diferentis meda s’isula e sa terramanna ca in custu assémbru est penìsula. Ca siat ladìnu, no est cosa de “separazionismo”, est scéti giustèsa e prus indh’unu giassu de noas ca tenit su punnu de bandhiri fatus e beridadis, cumintzéndi de is prus cosas pitìcas ca-i custa.

    Cun rimìru e paxi, saludi
    AP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *