Le panas - la leggenda delle donne morte di parto in sardegna
Condividi con i tuoi amici

Le Panas, lungo i fiumi i loro spiriti condannati senza colpe

Punto di ristoro Tortolì

La leggenda delle Panas, è una delle più tristi della Sardegna, che vede come protagoniste le donne sarde, non tutte le donne in generale, ma una tipologia in particolare.

Il termine Panas veniva usato per indicare le donne sarde morte di parto. La leggenda narra che, queste donne, essendo morte in momento particolare della loro vita, considerato “impuro” le loro anime fossero condannate dopo la morte ad un lungo periodo di espiazione terrena.

Per Pana in sardo si intende, una donna prossima a partorire o che ha appena partorito, da questo deriva il termine al plurale Panas.

Per loro, una condanna alquanto ingiusta e senza una colpa concreta e reale, che consisteva nel fatto che tornassero sulla terra sotto forma di anime vaganti, costrette per penitenza a recarsi ogni notte presso un corso d’acqua, che fosse un fiume, un ruscello, un lavatoio o un comune pozzo, per sciacquare dal sangue i loro panni e quelli del loro bimbo.

Questa condanna non era eterna, durava infatti 7 anni, nel quale avrebbero dovuto ripetere ogni notte lo stesso rituale, lavando i panni mentre cantavano una tristissima melodia.

La condanna inoltre includeva per loro, l’assoluto divieto di parlare o di interrompere il lavoro. Se questo fosse accaduto per qualsiasi motivo, avrebbero dovuto ricominciare dal principio il tempo della penitenza, allungando la loro condanna a restare nel mondo dei vivi.

Le Panas, non erano spiriti malvagi, ma essendo visibili all’occhio umano, si sarebbero vendicate se qualcuno le avesse viste e interrotte. Per questo motivo chiunque le scorgesse non doveva in nessun modo interromperle, perchè loro avrebbero infierito spruzzando addosso allo sprovveduto acqua, che però bruciava come fuoco. 

Per cercare di prevenire questa sorte ingiusta, i familiari mettevano all’interno della bara della giovane morta di parto alcuni attrezzi, solitamente un paio di forbici, un pettine e un ciuffo di capelli del marito, in modo che potessero avere l’occorrente per cucire gli indumenti del proprio bimbo.

Avendo così questo compito da eseguire, non avrebbe dovuto vagabondare tutta la notte, resistendo così al richiamo delle compagne ad andare lungo i corsi d’acqua insieme a loro.

In alternativa la famiglia, usava lavare per 7 anni consecutivi un vestitino o una fascia di neonato, che venivano poi messi ad asciugare, credendo che così si potesse alleviare la pena della giovane madre scomparsa.

Unisciti al nostro nuovissimo  canale Whatsapp – Entra

Scopri la sardegna

Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Tavolara, l’isola a forma di gatto in Sardegna
Tavolara, l’isola a forma di gatto in Sardegna
Le 35 Regioni Storiche della Sardegna
Le 35 Regioni Storiche della Sardegna
Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano

miti e leggende

Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Mama e su bentu, una leggenda sarda legata al vento
Sa Mama e su bentu, una leggenda sarda legata al vento
La Grotta dei colombi e la leggenda del fantasma di Dais
La Grotta dei colombi e la leggenda del fantasma di Dais
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
“Sas dies imprestadas”, la leggenda sarda dei giorni della merla
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
Su Amantadori – L’incubo delle giovani donne sarde
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *