Su Coccu - Un famosissimo amuleto sardo contro il malocchio
Condividi con i tuoi amici

Su Coccu, uno tra i gioielli e amuleti portafortuna sardi più conosciuto e ricercato

Tra i tanti portafortuna, amuleti e talismani sardi, Su Coccu è ormai diventato uno tra i più richiesti e ricercati

Su Coccu, conosciuto nelle diverse zone della Sardegna anche come, Su Kokku, Sa Sabegia, Su Pinnadellu, Su Pinnazzellu, secondo l’antica tradizione popolare sarda, servirebbe a scacciare il malocchio e le maledizioni, più in generale a proteggere chi lo indossa dalle energie e dagli influssi negativi.

COME E’ FATTO SU COCCU SARDO

Su Coccu sardo, è realizzato tradizionalmente con una pietra di ossidiana o di onice, liscia e dura, incastonata tra due coppette in filigrana d’argento.

Il colore della pietra è tipicamente nero, proprio perchè l’ossidiana, usata più spesso per la realizzazione, è molto famosa nella cultura sarda per il suo uso contro le energie negative.

Negli ultimi tempi, probabilmente anche per un fatto dovuto alla grande richiesta, viene realizzato anche in diversi colori.

jp comunicazioni gestione social 2023

SU COCCU – QUAL’E’ LA SUA FUNZIONE

Su Coccu ha una funzione protettiva, però, come quasi tutti gli amuleti e talismani, si dice debba essere “attivatoda alcune particolari preghiere in lingua sarda, meglio conosciute come is brebus.

Secondo la leggenda e la tradizione, la pietra ha il potere di assorbire gli influssi negativi, trattenendoli al suo interno, ed evitando quindi, che la persona che porta l’amuleto venga influenzata o danneggiata da tali energie.

Inoltre nel caso in cui le energie negativi risultino troppo forti, la pietra potrebbe rompersi o spezzarsi, o addirittura staccarsi dall’amuleto, lasciando però illesa la persona che la indossa.

SU COCCU SARDO – DIFFERENZE TRA PASSATO E PRESENTE

In passato, era usanza tipica, regalare Su Coccu, ai futuri nascituri. Il prezioso dono veniva fatto solitamente dalle nonne o dalle madrine di battesimo, e doveva essere appuntato con una spilla d’argento, all’altezza del cuore, così da proteggere il bambino dall’invidia e dal malocchio.

Nel caso in cui l’amuleto si fosse conservato integro fino alla crescita del bambino, doveva poi essere legato al suo polso con un nastro di seta di colore verde.

La pietra era riservata come dono, anche le future spose, che ricevevano in regalo Su Coccu, con l’aggiunta di corallo rosso di o agata bianca, affinché proteggesse lei e la sua relazione.

Un’altra usanza particolare, era quella di donarlo alle famiglie che rischiavano di estinguersi per mancanza di discendenti diretti.

Nel tempo l’uso de Su Coccu è un pò cambiato, nonostante la sua funzione e i suoi benefici siano rimasti invariati.

Oggi, l’amuleto si trova più spesso incastonato all’interno di gioielli come bracciali, anelli, orecchini e ciondoli.
Secondo la tradizione, Su Coccu doveva essere rigorosamente donato, oggi invece, nonostante sia ancora molto diffusa la pratica di regalarlo, molti decidono di acquistarlo anche per sé stessi.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
3 pensiero su “Su Coccu – Un famosissimo amuleto sardo contro il malocchio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *