Ötzi, la mummia dei ghiacci ha origini sarde, lo svela il suo DNA
Condividi con i tuoi amici

Ötzi, secondo l'analisi del suo DNA, la popolazione attuale più simile a lui sono i sardi

gm automar muravera banner 1

Ebbene sì, il DNA di Ötzi l’uomo dei ghiacci vissuto 5300 anni fa, è molto simile a quello dell’odierno popolo sardo. Questa scoperta apre le porte a un nuovo importante pezzo di storia ancora tutta da scrivere.

Per intenderci, secondo gli studi eseguiti sul suo DNA, Ötzi potrebbe essere il nostro avo più antico finora scoperto. A svelare questa notizia è la professoressa Martina Tauber, responsabile della mummia.

ÖTZI, RITROVAMENTO E ORIGINI DEL NOME

La mummia del Similaun, fu rinvenuta il 19 settembre 1991 in Trentino-Alto Adige, in prossimità del confine italo-austriaco, ai piedi del ghiacciaio del Similaun, da una coppia di tedeschi, marito e moglie, durante un escursione.

Il soprannome Ötzi gli venne dato da un giornalista, ci voleva un nome d’effetto, per cui l’uomo pensò di trasformare il nome del luogo di ritrovamento, Ötztal nel Tirolo del Nord, in una sorta di vezzeggiativo da associare all’antico uomo dei ghiacci.

CHE COSA SAPPIAMO DI ÖTZI?

“Era un uomo di circa 45 anni, ma non sappiamo se sia autoctono” – dice Tauber – Sotto il profilo genetico, l’aplotipo materno non esiste più: quel raro sottogruppo di Homo Sapiens si è estinto. Invece quello paterno è individuato in Sardegna o in Corsica: qualche antenato proveniva da lì.

La ricostruzione digitale della sua immagine è verosimile: il teschio rivela che aveva quei tratti e i capelli erano castano scuro e ondulati”.

Qualche dettaglio di questo genere, era già presenti nei risultati dell’esame del DNA di Ötzi pubblicati il 28 febbraio 2012, secondo cui, da un punto di vista del DNA autosomale, la popolazione attuale più simile a Ötzi sono i sardi moderni, ovvero la popolazione contemporanea più vicina geneticamente agli agricoltori del neolitico.

Ötzi inoltre, ad oggi risulta essere il primo umano tatuato di cui si abbia conoscenza. Sul suo corpo sono presenti 61 tatuaggi, caratterizzati per lo più da linee e croci, molto simili ai segni che caratterizzano quello che oggi viene riconosciuto da alcuni come “antico alfabeto sardo”. Per questa sua particolarità Ötzi è diventato famoso tra i tatuatori.

I tatuaggi presenti sul suo corpo consistono in semplici punti, linee e crocette, e si trovano in corrispondenza della parte bassa della colonna vertebrale, dietro il ginocchio sinistro e sulla caviglia destra. In seguito ad alcuni esami radiologici che hanno individuato forme di artrosi in quei punti, si presume che questi tatuaggi avessero una funzione di tipo curativo o religioso per alleviare i dolori.

Nuovi studi sul DNA di Ötzi, lascerebbero ampio spazio all’ipotesi di affinità genetiche oltre che con le antiche popolazioni sarde, anche con popolazioni genericamente europee, come ad esempio i primi agricoltori neolitici dell’Anatolia o della Germania, e gli antichi popoli di pastori della regione di Samara in Russia.

Nonostante tutto, il fatto di essere in qualche modo legati all’uomo dei ghiacci è una scoperta che ci regala emozioni, e con il tempo e le nuove tecnologie chissà quali altre sorprese ci riserverà in futuro il mitico Ötzi.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

Ötzi, la mummia dei ghiacci ha origini sarde, lo svela il suo DNA
Tatuaggi sul corpo di Ötzi - foto L'Arazzo del Tempo

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

sardegna miti e leggende

Le Panas e la leggenda dei 7 anni di condanna dopo la morte
Le Panas e la leggenda dei 7 anni di condanna dopo la morte
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
“Sa gruta de is malis” una vecchia leggenda di Isili
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Mama e su bentu, una leggenda sarda legata al vento
Sa Mama e su bentu, una leggenda sarda legata al vento
La Grotta dei colombi e la leggenda del fantasma di Dais
La Grotta dei colombi e la leggenda del fantasma di Dais
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
Il misterioso bambino fantasma del Lazzaretto di Cagliari
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu
La leggenda sarda di Sant’Antoni ‘e su fogu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *