Le bottiglie d'acqua fuori dal portone, a cosa servono?
Condividi con i tuoi amici

Lasciare le bottiglie d'acqua fuori dal portone di casa è un usanza molto diffusa, scopriamo il perché

Ayus centro estetico banner 1

Passeggiare per strada e vedere le bottiglie d’acqua fuori dalla porta delle abitazioni non è certo una cosa rara, in modo particolare tra le strade dei centri storici di molti paesini.

Ti sarà capitato di vederle e chiederti la motivazione.

In molti hanno avuto modo di notare questa strana abitudine, diffusa praticamente in ogni città. Ma perché si mettono le bottiglie d’acqua fuori dalla porta? Scopriamo il perchè.

Il motivo

Si tratta di un’abitudine diffusa in Sardegna e nel resto delle città italiane. 

Le troviamo all’esterno di portoni di ingresso delle case, davanti alle serrande e, molto spesso, anche sui marciapiedi, nell’angolo tra due strade. 

A quanto pare il motivo sembra essere legato alla presenza di cani e gatti  randagi.

Il motivo per cui sempre le persone lasciano bottiglie d’acqua fuori dalla porta è riconducibile alla presenza di animali randagi, come cani e gatti, che inevitabilmente fanno i bisogni in strada.

La funzione “magica” hanno le bottiglie piene di acqua?

La leggenda narra, che cani e gatti, guardando la loro immagine riflessa sulla bottiglia, tendano a stare alla larga, perchè spaventati.

In questo modo il problema é risolto, cani e gatti sceglieranno un’abitazione senza bottiglie d’acqua.

In realtà non è proprio così, nella maggior parte dei casi, infatti, il motivo di quest’abitudine è da collegare alle leggende tramandate negli anni, visto e considerato che l’efficacia di questa pratica non trova riscontro da nessuna parte. Che ci crediate o no, lasciare le bottiglie fuori dalla porta ha il suo fascino, profuma di tradizioni. 

Unisciti al nostro nuovissimo canale Whatsapp – Entra

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *