Le piscine naturali "Is Caddaias" tra Gadoni e Seulo
Condividi con i tuoi amici

Spettacolo naturale al confine tra sud Sardegna e Barbagia di Belvì

Un paradiso per amanti della natura incontaminata e selvaggia

Le piscine naturali "Is Caddaias" tra Gadoni e Seulo

La Piscine Naturali di Is Caddaias si trovano lungo il corso del Flumendosa, al confine tra i territori comunali di Gadoni e Seulo, in provincia di Nuoro e Sud Sardegna.

In questa località, lungo il suo percorso, il fiume Flumendosa fa una serie di salti d’acqua (il più alto di circa 8 metri) che porta alla formazione di una serie di tre vasche, chiuse tra rocce metamorfiche tipiche questo settore dell’isola: le filladi grigie del Gennargentu.

Le vasche appaiono su tre livelli diversi e sono unite tra loro da cascatelle.

Il toponimo “Is Caddaias” si riferisce alle grandi bacinelle (o pentole) usate dai pastori per cagliare il formaggio, chiamate in lingua locale “is caddargius”.

Attorno cresce rigoglioso il bosco di lecci e roverelle, con il sottobosco arricchito dalle essenze della macchia mediterranea. Vicino all’acqua si trovano oleandri e altre specie arbustive di ambiente fluviale.

L’itinerario per ammirare uno spettacolo che conserverai a lungo nella tua memoria parte dal maestoso ponte panoramico tra Seulo a Gadoni, alto ben 110 metri, che unisce i due ripidi pendii della profonda e stretta gola scavata dall’ansa del Flumendosa.

Dall’alto ammirerai varie altre bellezze naturali, come le piscine Arredelusu.

Oltre il ponte, percorrendo la vecchia strada sterrata scenderai nella verdissima vallata. L’ambiente è selvaggio: rigogliose foreste precipitano cupe sino a lambire le sponde del fiume.

Parcheggiata l’auto vicino al vecchio ponte di ferro, inizierai il sentiero per is Caddaias, lungo circa 3 km con un dislivello di 200 metri che ti condurrà comodamente (sempre prestando la dovuta attenzione alla scivolosità delle rocce) al centro della gola.

Prima, ‘approderai’ in una spiaggetta sabbiosa, da dove potrai tuffarti per un bagno rigenerante dopo il trekking. Poi l’esplorazione inizia dalla piscina più a monte; per arrivarci si passa in stretti viottoli tra ciottoli che compongono una stradina dal fondo quasi piatto.

Poco oltre il salto, scoprirai un altro canyon, molto più largo e con acque più profonde, dalla quale si genera il getto.

Nella sponda opposta sono scavate strane cavità concentriche, generate da grandi massi rotondi fatti roteare dalla furia delle acque in piena: lentamente hanno eroso la roccia fino a formare le cavità. Seguendo il corso del canyon, più a monte, noterai al centro della vasca un pittoresco ammasso roccioso: la forma allungata ricorda la testa di un coccodrillo.

La montagna sullo sfondo e i bianchi costoni rocciosi si riflettono nel terzo laghetto dalle acque calme e verdi. Regnano pace e silenzio.

Il fiume prosegue più a valle con altre piscine e cascate, comePiscina ‘e Licona e sa Stiddiosa, dove l’acqua precipita con uno ‘stillicidio’ fittissimo in inverno e ‘pacato’ d’estate, in mezzo a calcari coperti di essenze vegetali da una parte e scisti levigati e arrotondati dall’altra.

Percorrendo l’alta valle del Flumendosa, incastonata tra pendii verdi e ripidi, farai altre emozionanti escursioni. All’interno della foresta di Addolì, scoprirai grotte abitate nella preistoria, come sa Omu ‘e Janas, con un ampio e alto salone di stalattiti e stalagmiti. Il monumento più famoso e caratterizzante è su Stampu ‘e Su Turrunu, al confine tra Seulo e Sadali: un ‘paesaggio d’acqua’ composto da inghiottitoio, grotta e risorgiva con cascata e laghetto. Acqua e vento si sono sbizzarriti modellando i contorni de s’Arcu ‘e su cuaddu, un dolmen naturale, sotto cui è stata scavata una domu de Janas.

Altro spettacolo da non perdere coi primi caldi primaverili: i pendii del monte Perdèdu, su cui si inerpica Seulo, si colorano del rosso e del giallo delle rose peonie. Non a caso l’ameno e ospitale borgo è detto de s’orrosa ‘e padenti (rosa del bosco), fiore principe del Gennargentu.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Come arrivare a Piscine Is Caddaias

Scopri la Sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

Scopri Sassari

L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’isola di Molara, un angolo di paradiso selvaggio
L’isola di Molara, un angolo di paradiso selvaggio
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
L’isolotto dei fichi d’India, un  mini paradiso nel golfo di arzachena
L’isolotto dei fichi d’India, un mini paradiso nel golfo di arzachena
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Banca del corallo di Alghero, la “Caixa del Corall”
Banca del corallo di Alghero, la “Caixa del Corall”
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
E’ in Sardegna il museo più piccolo d’Italia, “La scatola del tempo”
E’ in Sardegna il museo più piccolo d’Italia, “La scatola del tempo”
La foresta pietrificata dell’Anglona, un luogo senza tempo
La foresta pietrificata dell’Anglona, un luogo senza tempo
2 pensiero su “Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *