"Centu concas centu berrittas" identità di un popolo - Detti e proverbi sardi
Condividi con i tuoi amici

"Centu concas centu berrittas" un vecchio detto sardo che racchiude un grande significato

Secret Tattoo Olbia

Centu concas, centu berrittas è un vecchio detto, ancora molto ricorrente e attuale in Sardegna, perché racchiude un significato importante. Si può infatti definire una frase che descrive senza mezze misure una caratteristica fondamentale che accomuna tutto il popolo sardo.

Spesso a questo detto sardo, si attribuisce un concetto negativo, ma se visto da un’altra prospettiva si possono cogliere anche gli aspetti positivi.

Centu concas centu berrittas” si traduce letteralmente in “Cento teste cento berretti“, ma il suo reale significato definisce perfettamente un particolare tratto caratteristico di ogni sardo, ovvero la forte propensione a ragionare con la propria testa, e a trovarsi così spesso in disaccordo gli uni con gli altri.

Centu concas centu berritas – La visione positiva

Questo modo di essere si manifesta nella vita quotidiana, che si tratti di questioni importanti o meno, e spesso non è semplice arrivare a trovare un accordo. Non è raro infatti, soprattutto quando si tratta di persone un pò avanti con gli anni, assistere a scambi di opinioni e discussioni anche molto accese, che non sempre si concludono con un punto di incontro, anzi, se le vedute sono nettamente differenti, spesso le discussioni si ripetono e si protraggono nel tempo.

Spesso spostandosi nelle diverse località della regione, si possono notare anche molteplici differenze per quanto riguarda la pronuncia di una parola per esempio, o nella preparazione di una ricetta tipica, o addirittura nei racconti di vecchie storie o leggende, che spesso trattano lo stesso argomento ma con alcuni particolari che le differenziano.

Tutto questo si potrebbe tradurre in una sorta di sfida a chi è più testardo, un altro tratto tipico dei sardi, e di conseguenza può essere interpretato negativamente.

Centu concas centu berritas – La visione positiva

In realtà, se si guarda con occhi diversi, togliendo spazio a stereotipi e pregiudizi, ci si rende conto che, essere in disaccordo non significa sempre essere in difetto, ma semplicemente è sintomo di una forte individualità e autenticità.

In base a questo detto il popolo sardo non riuscirebbe a essere unito sotto nessun aspetto, ma la realtà dei fatti è che i sardi spesso inconsapevolmente, sono uniti da tante cose, prima tra tutte il forte legame e attaccamento alle propria terra, alle proprie origini, e alle proprie tradizioni. 

Unisciti al nostro nuovissimo canale Whatsapp – Entra

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

archeologia

La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Domus de Janas candidate a patrimonio mondiale dell’umanità
Domus de Janas candidate a patrimonio mondiale dell’umanità
Villaurbana, un villaggio nuragico riemerge dalla terra
Villaurbana, un villaggio nuragico riemerge dalla terra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
Sardegna, tesoro di oltre 30mila monete antiche scoperto nel mare di Arzachena
Sardegna, tesoro di oltre 30mila monete antiche scoperto nel mare di Arzachena
Romanzesu, l’enorme Villaggio-Santuario a Bitti
Romanzesu, l’enorme Villaggio-Santuario a Bitti
Parco archeologico di Tamuli, nuraghe, villaggio e tombe di Giganti
Parco archeologico di Tamuli, nuraghe, villaggio e tombe di Giganti
Equinozio d’autunno, in Sardegna il magico fenomeno dell’ombra capovolta
Equinozio d’autunno, in Sardegna il magico fenomeno dell’ombra capovolta
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
Alierasaurus ronchii, il proto-dinosauro vissuto in Sardegna
Alierasaurus ronchii, il proto-dinosauro vissuto in Sardegna
Sardomeryx oschiriensis, antenato della giraffa vissuto in Sardegna
Sardomeryx oschiriensis, antenato della giraffa vissuto in Sardegna
Grotta Santa Barbara “svaligiata”, in casa trovate monete, anfore e manufatti
Grotta Santa Barbara “svaligiata”, in casa trovate monete, anfore e manufatti
Due anfore ritrovate in spiaggia a Sant’Antioco
Due anfore ritrovate in spiaggia a Sant’Antioco
Vangelo secondo Maria – Il film girato nel sito archeologico di Tamuli
Vangelo secondo Maria – Il film girato nel sito archeologico di Tamuli
Due “nuovi” Giganti emergono dalla necropoli di Mont’e Prama a Cabras
Due “nuovi” Giganti emergono dalla necropoli di Mont’e Prama a Cabras
2 pensiero su ““Centu concas, centu berrittas” identità di un popolo – Detti e proverbi sardi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *