Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie
Condividi con i tuoi amici

Su Tragacorgios, protagonista di una macabra leggenda sarda

Regalando Sardegna Oristano Banner

Su Tragacorgios è forse uno dei personaggi più temuti nella tradizione popolare sarda, non per niente la leggenda di questa figura oscura, è ancora molto presente e sentita nei racconti popolari. 

La morte in Sardegna è sempre stata vissuta in maniera estremamente particolare, infatti esistono diverse figure sia maschili che femminili, legate a leggende sarde antiche che hanno come tema la morte.

Alcuni personaggi non sono del tutto leggendari, ma talmente macabri e surreali, che si fa fatica a credere siano esistiti realmente, come nel caso de “Sa Femina Accabbadora” un personaggio ancora oggi a metà tra leggenda e reltà.

La leggenda sarda de Su Tragacorgios, parrebbe avere origini a Samugheo, dove oggi rivive e viene tramandato attraverso l’antico carnevale samughese.

Su Tragacorgios, viene descritto come una creatura macabra e tenebrosa, dall’aspetto fisico non bene definito, un’anima nera che vaga e si muove per le stradine del paese durante la notte, portando con se morte e disgrazie.

La leggenda narra che questa figura vagasse in cerca di pace per le strade, trascinando sulle spalle delle pelli di animale con la testa ancora attaccata, agganciate a delle grosse corde o catene. Da questa descrizione deriva anche il suo nome, in quanto composto dalle parole traga che si traduce in trascina, e corgios che uol dire pelli, cuoi.

Durante il suo vagare, lo sfregamento a terra delle pelli e delle catene producevano un suono sordo e agghiacciante, che incuteva estremo terrore. Il suo passaggio infatti, era presagio di morte imminente, solitamente questa figura annunciava la morte di giovani e bambini, o personaggi illustri della comunità.

Quando Su Tragacorgios sceglieva la sua vittima si fermava davanti alla sua abitazione, e il giorno seguente il malcapitato sarebbe stato trovato morto. Quando qualcuno moriva per scelta de Su Tragacorgios, la notte successiva si attendeva anche il passaggio de su carru ‘e sa morte, che giungeva in paese por portar via l’anima del defunto.

Ogni tanto, quando il numero di decessi e di disgrazie diventava troppo alto, si faceva una messa speciale, chiamata sa missa ‘e s’arretiru, celebrata da 7 preti, per costringere Su Tragacorgios a ritirarsi dal paese.

Molti giovani erano increduli ai racconti su questo spaventoso essere, e si sfidavano tra di loro con prove di balentìa, sicuri del fatto che fosserò solo credenze popolari.

Si racconta che una notte d’inverno, un giovane balente noto in paese per il suo coraggio, udì quel tipico e agghiacciante rumore, e decise di uscire di cassa per affrontare Su Tragacorgios. Il ragazzo lo seguì fino a raggiungerlo, e aggrappandosi alle corna d’animale attaccate alla pelle trascinava, cercò di fermarlo. Purtroppo il giovane non poté raccontare a nessuno della sua impresa, perchè fu trovato morto all’alba poco lontano dalla casa.  

Unisciti al nostro nuovissimo canale Whatsapp – Entra

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

lo sapevi che?

La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Franca Dallolio, prima Miss Italia sarda della storia
Franca Dallolio, prima Miss Italia sarda della storia
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
2 febbraio – La festa de Sa Candelora in Sardegna
2 febbraio – La festa de Sa Candelora in Sardegna
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Erica arborea – Una pianta molto usata in Sardegna, ecco perché
Erica arborea – Una pianta molto usata in Sardegna, ecco perché
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Sa Manufica – Potente amuleto di corallo e argento molto usato in Sardegna
Sa Manufica – Potente amuleto di corallo e argento molto usato in Sardegna
“Forza Gigi Riva” nel 70 la canzone di Raffaella Carrà dedicata a Gigi Riva
“Forza Gigi Riva” nel 70 la canzone di Raffaella Carrà dedicata a Gigi Riva
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
La leggenda sarda dei “Caddos Birdes”, i cavallini verdi di Monteleone Rocca Doria
2 pensiero su “Su Tragacorgios – In Sardegna messaggero di morte e disgrazie”
  1. Une légende qui m’a été racontée par ma mère, qui avais dit avoir reçu plusieurs jours de suite , 3 figues de barbarie, sur le rebord de la fenêtre, alors que ce n’était pas la saison !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *