Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Condividi con i tuoi amici

Su Pundacciu, folletto sardo goffo e dispettoso, con un unico punto debole

Hair Desire

Su Pundacciu è una creatura delle leggende sarde, un folletto per la precisione, dispettoso, goffo e avaro custode di tesori nascosti.

Su Pundacciu è uno dei pochi personaggi delle leggende sarde, che non incutono terrore. Il suo scopo infatti, è quello di infastidire e tormentare le persone disturbandole mentre dormono, abbastanza simile per certi versi alla figura de S’Ammutadori o de Su Amantadori, anche loro entrambi creature che inquietano le notti e il sonno delle loro vittime.

Su Pundacciu, conosciuto anche come Matzamurreddu, Moscazzu è una creatura sostanzialmente innocua, ma particolarmente fastidiosa. Anche il suo aspetto fisico non rievoca sensazioni macabre o in generale di paura e terrore, questo infatti viene descritto come un folletto di bassa statura, goffo e grassoccio, ma che a dispetto della sua fisicità sembrerebbe essere agile, scattante e velocissimo oltre che un abile mutaforma.

Durate i suoi spostamenti si muove rapido, quasi senza toccare poggiare i piedi sul terreno, sfrecciano nei boschi e sulle superfici d’acqua, evitando prontamente qualsiasi ostacolo incontri nel suo cammino. Si posa, leggero come una piuma su qualsiasi superficie, che siano rami di alberi, scogli o tetti e ha la capacità di apparire e scomparire all’improvviso, presentandosi sotto qualsiasi forma.

La leggenda narra, che Su Pundacciu durante il giorno se ne stia ben nascosto in luoghi sconosciuti, circondato dai suoi tesori che custodisce con avarizia e che vaghi nella notte in cerca di vittime da disturbare e tormentare.

Si diverte infatti a tormentare le sue vittime sedendosi sul loro petto o sulla loro pancia mentre dormono supine, per questo motivo viene spesso confuso con s’Ammutadori, anche se non ha nulla a che vedere con questa particolare figura, protagonista di una tra le più terrificanti leggende sarde.

Un altro dei suoi appellattivi è Baottu de setti berrittas, che tradotto vuol dire folletto dalle sette berrette, questo nome riconduce al suo unico punto debole, ovvero le sue 7 berrette così tanto preziose per lui per un motivo ben preciso. La leggenda narra che se qualcuno riesce a sottrarre anche solo una delle berrette, Su Pundacciu sarà costretto a rivelare dove nasconde i suoi tesori.

Non è comunque cosa semplice carpire queste informazioni, perché lui tenterà in ogni modo di impietosire o comprare il suo sfidante, con pianti disperati e promesse di ogni bene. Solo chi riesce a resistere ai suoi tentativi di persuasione può riuscire a  scoprire il suo prezioso nascondiglio.

Secondo alcuni racconti, solo poche persone sono riuscite in questo intento e a resistere ai disperati tentativi de Su Pundacciu per riavere la sua berretta. Un pastore dopo avergli sottratto la berretta, per non cedere al folletto la gettò nel fuoco, togliendo così ogni speranza di riconquista e sconfiggendo Su Pundacciu.

Un bambino di Isili invece, riuscì a farsi consegnare un tesoro utilizzando un metodo inusuale, il ragazzino gettò al collo del folletto un rosario riuscendo a farsi rivelare il suo prezioso segreto.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Sardegna tra storia e archeologia

La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Domus de Janas candidate a patrimonio mondiale dell’umanità
Domus de Janas candidate a patrimonio mondiale dell’umanità
Villaurbana, un villaggio nuragico riemerge dalla terra
Villaurbana, un villaggio nuragico riemerge dalla terra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
Olbia – Sa Testa, 17 gradini verso la sorgente sacra
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
Sardegna, tesoro di oltre 30mila monete antiche scoperto nel mare di Arzachena
Sardegna, tesoro di oltre 30mila monete antiche scoperto nel mare di Arzachena
Romanzesu, l’enorme Villaggio-Santuario a Bitti
Romanzesu, l’enorme Villaggio-Santuario a Bitti
Parco archeologico di Tamuli, nuraghe, villaggio e tombe di Giganti
Parco archeologico di Tamuli, nuraghe, villaggio e tombe di Giganti
Equinozio d’autunno, in Sardegna il magico fenomeno dell’ombra capovolta
Equinozio d’autunno, in Sardegna il magico fenomeno dell’ombra capovolta
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
Alierasaurus ronchii, il proto-dinosauro vissuto in Sardegna
Alierasaurus ronchii, il proto-dinosauro vissuto in Sardegna
Sardomeryx oschiriensis, antenato della giraffa vissuto in Sardegna
Sardomeryx oschiriensis, antenato della giraffa vissuto in Sardegna
Grotta Santa Barbara “svaligiata”, in casa trovate monete, anfore e manufatti
Grotta Santa Barbara “svaligiata”, in casa trovate monete, anfore e manufatti
Due anfore ritrovate in spiaggia a Sant’Antioco
Due anfore ritrovate in spiaggia a Sant’Antioco
Vangelo secondo Maria – Il film girato nel sito archeologico di Tamuli
Vangelo secondo Maria – Il film girato nel sito archeologico di Tamuli
Due “nuovi” Giganti emergono dalla necropoli di Mont’e Prama a Cabras
Due “nuovi” Giganti emergono dalla necropoli di Mont’e Prama a Cabras

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

lo sapevi che…

Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Franca Dallolio, prima Miss Italia sarda della storia
Franca Dallolio, prima Miss Italia sarda della storia
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
L’Argia, il “ragno del demonio” vive anche in Sardegna
2 febbraio – La festa de Sa Candelora in Sardegna
2 febbraio – La festa de Sa Candelora in Sardegna
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
S’Ammutadori, in Sardegna è il demone del sonno
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Erica arborea – Una pianta molto usata in Sardegna, ecco perché
Erica arborea – Una pianta molto usata in Sardegna, ecco perché
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Su Pundacciu, la leggenda sarda del folletto dalle 7 berrette
Sa Manufica – Potente amuleto di corallo e argento molto usato in Sardegna
Sa Manufica – Potente amuleto di corallo e argento molto usato in Sardegna
“Forza Gigi Riva” nel 70 la canzone di Raffaella Carrà dedicata a Gigi Riva
“Forza Gigi Riva” nel 70 la canzone di Raffaella Carrà dedicata a Gigi Riva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *