In Sardegna è chiamata Figu Morisca, alla scoperta di un'antica bontà spinosa
Condividi con i tuoi amici

Sa Figu Morisca, passato e presente di uno dei frutti più presenti in Sardegna

Massimo Vacca Tortolì

Il fico d’India, è una pianta originaria del Messico che giunse in Europa con Cristoforo Colombo. Una pianta antichissima e ricca di proprietà benefichecoltivata e commercializzata già ai tempi degli Aztechi, che la consideravano una pianta sacra con forti valori simbolici.

Con il tempo si è diffusa e naturalizzata in tutto il bacino Mediterraneo, in particolar modo in Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia. 

In Sardegna è chiamata Figu Morisca (variante del nome più conosciuta) oppure, in base alla zona, anche Figumorìsca, Figu morìa, Figu de kràbas, Figu muriska, Figu moru, Ficudindia, Ficu muriscu, Figga d’India o Kimorisca.

E’ una delle specie alloctone più diffuse sull’isola, che si può considerare la regina dell’estate per eccellenza, infatti la si può incontrare un pò ovunque poiché, oltre a essere coltivata, anche se da pochi agricoltori, cresce spontanea in tutta l’isola, ricoprendo centinaia e centinaia di ettari in tutto il territorio.

La pianta di Figu Morisca e in particolare il suo frutto, è molto apprezzato dai sardi, che essendo presente sull’isola da tempi antichi, ne hanno fatto parte della loro identità. In Sardegna infatti è stato realizzato un ingegnoso attrezzo che permette di raccogliere i frutti evitando le insidiose spine, questo attrezzo chiamato Sa Cannuga in passato era presente praticamente in tutte le case. 

Nel 800 era una fonte di sostentamento per le persone più povere, tanto che nel 1831 in alcune zone della Sardegna, fu emanata una legge che prevedeva che solo i poveri potessero cogliere e mangiare Sa Figu Morisca.

In passato si utilizzava questa pianta per tracciare i confini, delle vere e proprie recinzioni naturali, che separavano le proprietà private da quelle pubbliche

In Sardegna da sempre esiste una regola non scritta, che viene ampiamente rispettata ancora oggi, secondo cui i frutti di qualsiasi pianta che sporgono dalla proprietà privata sulle vie pubbliche sono di tutti e quindi tutti possono coglierli e mangiarli. Nelle grandi città questa tradizione si è quasi completamente persa, ma è comunque un valore accompagnato dal buon senso, ancora fortemente radicato.

Sa Figu Morisca oggi, fa da cornice ai migliori panorami dell’isola e popola ampie zone di campagna e di montagna. La strada per la coltivazione in larga scala è ancora molto in salita, ma sono diversi gli agricoltori che ci credono e si impegnano affinché diventi un frutto a km zero disponibile in tutti i mercati sardi, utilizzando anche con nuove tecniche, modalità e tecnologie per la coltivazione.

In Sardegna la Figu Morisca è l’ingrediente principale di diverse gustosissime ricette, ed è utilizzata per preparare diverse prelibatezze tipiche sarde.

Con sa Figu Morisca, si preparano delle ottime marmellate e confetture, ma non solo, un’altra prelibatezza utilizzata per la preparazione di dolci tipici, è la sapa di fico d’india, o in sardo saba de figu morisca, inoltre con la figu morisca si produce un eccellente liquore, che racchiude gusti dolci e selvatici.

Il fico d’India quindi è una pianta dalle molteplici proprietà e si può utilizzare praticamente in tutte le sue parti, in quanto tutta la pianta apporta una miriade di proprietà benefiche per l’organismo, oltre alla sua crescita libera e spontanea quindi, andrebbe quindi valorizzata come merita. 

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra

Tradizioni della sardegna

Pellegrinaggio Sinnai – Bonaria 2024, riprende il cammino dei fedeli
Pellegrinaggio Sinnai – Bonaria 2024, riprende il cammino dei fedeli
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Ladiri e le caratteristiche case in terra cruda della Sardegna
Su Ladiri e le caratteristiche case in terra cruda della Sardegna
Su Nenniri – Riti e tradizioni di Pasqua in Sardegna
Su Nenniri – Riti e tradizioni di Pasqua in Sardegna
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Parastaggiu, l’antica piattaia sarda
Su Parastaggiu, l’antica piattaia sarda
Idee menù per la vigilia di Natale in Sardegna
Idee menù per la vigilia di Natale in Sardegna
Su Fastigiu, c’era una volta il corteggiamento in Sardegna
Su Fastigiu, c’era una volta il corteggiamento in Sardegna
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Su ballu ‘e s’arza – La danza curativa delle 21 donne
Il pane capovolto a tavola, ecco i motivi per cui non si fa
Il pane capovolto a tavola, ecco i motivi per cui non si fa
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
Il Pa Punyat, il pane fatto coi pugni, un’eccellenza sarda
Andarinos di Usini – Un’antica bontà made in Sardegna
Andarinos di Usini – Un’antica bontà made in Sardegna
“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50
“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50
Halloween in Sardegna, tradizioni antiche per la notte dei morti e delle anime
Halloween in Sardegna, tradizioni antiche per la notte dei morti e delle anime
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
S’Istrumpa, tutto ebbe inizio dai pastori
Sa Musicada, tradizioni e usanze del corteggiamento in Sardegna
Sa Musicada, tradizioni e usanze del corteggiamento in Sardegna
“Sa Berritta”, la storia del copricapo simbolo della Sardegna
“Sa Berritta”, la storia del copricapo simbolo della Sardegna
Su Casizolu, storia, tradizioni e sapori antichi di un formaggio sardo
Su Casizolu, storia, tradizioni e sapori antichi di un formaggio sardo
La magica notte di San Giovanni – In Sardegna i riti dell’acqua e del fuoco
La magica notte di San Giovanni – In Sardegna i riti dell’acqua e del fuoco
72esima Cavalcata sarda, festa sassarese ricca di storia e tradizione
72esima Cavalcata sarda, festa sassarese ricca di storia e tradizione

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

lo sapevi che…

Aradia, un film horror sardo da non perdere
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a  Cagliari
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a Cagliari
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Il Castello della Fava, l’antica fortezza di Posada
Il Castello della Fava, l’antica fortezza di Posada
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
Bolotana e la leggenda delle Sinigogas nella chiesa di San Bachisio
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
Linaria flava sardoa, in Sardegna una pianta rarissima a rischio estinzione
Linaria flava sardoa, in Sardegna una pianta rarissima a rischio estinzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *