“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50
Condividi con i tuoi amici

“Manos de Fainas pro s’affidu” da anni, racconta e fa rivivere usi e costumi della tradizione Ittirese

Ayus centro estetico banner 1

“Manos de Fainas pro s’affidu”, riti del matrimonio Ittirese anni ’50

L’associazione Culturale Itifallico guidata dal Presidente Vincenzo Ortu e da un gruppo di donne e uomini, appassionati e instancabili, da anni, racconta e fa rivivere usi e costumi della tradizione Ittirese, attraverso l’allestimento in abitazioni private e di ambienti legati alla vita agro-pastorale.

La memoria di una comunità ha bisogno di essere materializzata, con la scrittura o la riproduzione di quel ricordo, meglio se oggettivato, al fine di poterla conservare e trasferire. Mani che lavorano per il matrimonio, “Manos de Fainas pro s’affidu” – Riti del matrimonio Ittirese negli anni ’50, ideata dal Direttore Artistico Massimiliano Marongiu Trini, si è sviluppata attraverso una ricerca sul campo, con la tecnica dell’intervista agli sposi di allora, recuperando le informazioni che hanno permesso di ricostruire l’evento.

Si è pensato di raccontare gli anni dal 1950 al 1959, perché il rito in quegli anni non era ancora, trasformato dagli effetti del boom economico e dalle mode degli anni sessanta.

Nel Centro storico di Ittiri, nel quartiere tra Piazza Umberto e Piazza Olmi, sono state ripulite e riallestite alcune case disabitate da anni, destinate all’evento.

Riaprirà i battenti per l’occasione un antico negozio di generi alimentari, “Sa Butega de Tiu Serevinu Cossu”, negli stessi locali e con buona parte degli arredi di allora.

Sarà allestito un antico Bar “Su Buteghinu”, e per le strade del quartiere i bambini “Pitzinnos in carrela”, potranno giocare con gli antichi giochi di quel periodo, grazie alla proposta curata dalla Cooperativa Manitese di Ittiri. Sarà presente inoltre la giostrina ecologica a pedali Ecocarosello di Beppe Cugusi.

Sono state ripulite e riportate in uso almeno per l’occasione le antiche vasche di Binza Funtana, la “lavatrice pubblica” per decenni di intere generazioni, dove la lana veniva lavata per il confezionamento dei materassi, e i cuscini per gli sposi.

Grazie al sodalizio con la Compagnia Teatro Ittiri, che da anni, attraverso pezzi teatrali ricercati ma allo stesso tempo spassosi, racconta, spaccati della società Ittirese, sarà proposta nelle antiche vasche, un estratto della commedia teatrale “Male chi si cheret issa mai remediu b’appat”, che affronterà l’argomento del matrimonio.

Una casa attualmente in costruzione, sarà adibita alla riproduzione della raccolta fotografica dei matrimoni degli anni ’50, al fine di omaggiare con un Album, quello che non hanno mai potuto avere.

Il giorno 18 novembre, sarà dedicato ai preparativi: la lavorazione e la cottura nell’antico forno di dolci e pane per il matrimonio, le corbule infioccate per contenere il corredo, che in corteo sarà portato alla casa degli sposi, la preparazione del letto nuziale dalle donne della famiglia.

Il 19 novembre, il giorno del matrimonio, “S’affidu”: saranno posizionate lungo il corteo nuziale, alcune auto d’epoca del periodo, messe a disposizione dall’associazione il Volante Club Sassari, da Giuseppe Cannoni e da Laura Faedda. Ci sarà la vestizione della sposa, la benedizione degli sposi dalle rispettive famiglie, e il corteo nuziale fino alla parrocchia San Pietro in Vincoli, riceverà la benedizione all’iniziativa. Ad attendere gli sposi nella loro casa, le madri, che daranno la loro la benedizione con la rottura del piatto.

Seguiranno i festeggiamenti con “su tratamentu” il rinfresco, a base di biscotti e Rosoliu. I Balli di quegli anni suoneranno con le musiche di Tony e Piera. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di portare i visitatori in un viaggio nel tempo, per riscoprire l’antica tradizione del matrimonio tipico Ittirese degli anni ’50.

Unisciti al nostro nuovissimo canale Whatsapp – Entra

Scopri la sardegna

Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
L’isolotto dei fichi d’India, un  mini paradiso nel golfo di arzachena
L’isolotto dei fichi d’India, un mini paradiso nel golfo di arzachena
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *