Sa Zirogna, molti sardi la ricordano bene - Cos'è e a cosa serviva?
Condividi con i tuoi amici

Sa Zirogna, un oggetto del passato presente in molte case sarde

Love Travels banner 2

Sa Zirogna, detta anche Nerbo, e conosciuta come Zironnia, Zironia, Tzironnia nel sud Sardegna, oppure come Su Nerbiu o Su Nerviu, verso il nord dell’isola, era un attrezzo artigianale, particolarmente flessibile e duro.

Un vero e proprio frustino di lunghezza variabile, che veniva realizzato con il pene del toro o del cavallo, che dopo essere stato essiccato, veniva allungato e solitamente attorcigliato, più raramente invece veniva lasciato liscio.

La Zirogna nasce come strumento di gestione per animali da lavoro di grossa mole, come buoi o cavalli. Successivamente, secondo quanto tramandato oralmente, diviene uno strumento per autodifesa personale

Il cattivo utilizzo in questo senso, (da parte di alcuni) ha portato con il tempo, a considerare sa zirogna una vera e propria arma bianca.

Ma molti sardi purtroppo la ritrovano tristemente nei loro ricordi d’infanzia o gioventù, come metodo punitivo-educativo. Negli anni questo particolare oggetto entra in quasi tutte le case sarde, non era difficile infatti trovarlo appeso accanto ai portoni d’ingresso o nelle cucine, dove assume una funzione ornamentale e d’arredo, ma allo stesso tempo esposta così in bella vista come deterrente per malintenzionati o figli “indisciplinati”.

La zirogna come metodo educativo, se la ricordano in tanti, chi più e chi meno, alcuni invece, una minoranza, afferma di non aver mai visto questo oggetto.

Ai tempi dei nostri nonni, quando ancora le famiglie erano numerose e le case ricche di bambini e ragazzini, risultava spesso difficile gestire l’educazione, in particolar modo per le mamme, che trovandosi sole con i mariti fuori tutto il giorno per lavoro, dovevano badare e pensare all’educazione di tanti figli, ricorrendo spesso a metodi non proprio blandi e gentili, come nelle famiglie di oggi.

I genitori dell’epoca erano autoritari, abbastanza severi e intransigenti, per questo quando un figlio risultava particolarmente disobbediente si ricorreva a metodi correttivi, come sculaccioni (per i più fortunati) o qualsiasi cosa capitasse a tiro, ciabatte, battipanni o mestoli, non faceva alcuna differenza, tra questi anche la zirogna, che in tanti ricordano con terrore. Oggi invece la psicologia pedagocica esclude, demonizza e condanna, questi metodi educativi.

Trattare questo particolare argomento oggi non è affatto semplice, ma la realtà è che esistono due linee di pensiero nettamente distinte sui metodi educativi di un tempo. Alcuni li sostengono con la classica affermazione – “non è mai morto nessuno per due sculaccioni” – altri ancora li rifiutano categoricamente, sostenendo di aver subito dei traumi infantili che ancora oggi si portano dietro.

In questo caso non esiste giusto o sbagliato, ma solo le diverse opinioni e pareri, e i diversi vissuti di ognuno.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
L’isolotto dei fichi d’India, un  mini paradiso nel golfo di arzachena
L’isolotto dei fichi d’India, un mini paradiso nel golfo di arzachena
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello

curiosità

“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
“Italian Grape Ale”, lo stile di birra lanciato in Sardegna
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Aradia, un film horror sardo da non perdere
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Lampu ti calidi – Frastimos e Irrocos in Sardegna
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Su Pascifera, il custode invisibile dei boschi sardi
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Spot Montenegro e “l’antico vaso da salvare” a Cala Domestica
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Avere “brutta voglia”, un modo di dire usato solo in Sardegna
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Apribi, ci torrada su lepuri a cuili – Detti e proverbi sardi
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
Ichnusaite, il minerale più raro al mondo è sardo
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
“Blue Zone”, le 5 zone blu della longevità
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Ora legale 2024, si cambia domani alle 2:00, a cosa serve?
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Is Pungas, gli amuleti sardi dal contenuto segreto
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Su Gioddu, dalla tradizione sarda l’unico latte fermentato italiano
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a  Cagliari
Idrovolante S55, 96 anni fa il primo volo da Ostia a Cagliari
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
Gabriele d’Annunzio e il Nepente, la lode al vino sardo di Oliena
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
“Sa Callella” – Impossibile resisterle, alla fine vince sempre
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Come offendere un sardo, basta poco – Ecco una cosa che non dovresti mai fare
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna
Giornate FAI di Primavera 2024, le aperture in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *