Nuraghe Nuracale, uno dei più imponenti del Montiferru
Condividi con i tuoi amici

Il nuraghe Nuracale Domina la vallata attraversata dal Riu Mannu

Nuraghe Nuracale

Nuraghe Nuracale a Scano di Montiferro

L’insediamento nuragico sorge sul ciglio di un promontorio roccioso che domina la vallata del Riu Mannu a breve distanza dalla strada provinciale che collega gli abitati di Scano Montiferro e Sagama. Il sito è costituito da un nuraghe complesso con antemurale e relativo villaggio.

Il nuraghe è un edificio di tipo articolato costituito da una torre principale inglobata in un bastione con quattro torri secondarie ed un cortile. La torre centrale (alt. residua 11 metri) è edificata con grandi massi di basalto allo stato naturale, ad eccezione delle pietre della zona d’ingresso che invece sono lavorate; ospita almeno due camere collegate da un vano-scala del tipo di camera e quindi sopraelevato.

La tholos inferiore è intatta ma ancora ingombra di macerie ed inagibile, mentre la camera superiore, circolare e priva di nicchie, è svettata all’altezza di m 4.50 ed ha un diametro di m 4.50.

Il bastione racchiude quattro torri angolari, raccordate da cortine murarie ad andamento retto-curvilineo, ed include un ampio cortile sul lato frontale del mastio.

Le murature sono realizzate con blocchi di notevoli dimensioni, in genere privi di lavorazione e sovrapposti in opera ciclopica; l’altezza residua delle cortine è di 7 metri.

Al complesso si accede attraverso un ingresso architravato, aperto nella cortina orientale, che introduce in un corridoio retrostante e da questo nel cortile interno: quest’ultimo ha una superficie di mq 90 circa. Dal cortile, oltre che al mastio (con ingresso architravato e fornito di spiraglio di scarico) si accedeva a tre delle quattro torri secondarie: un ulteriore ingresso dall’esterno, presente in una delle torri frontali, è frutto di un riuso ottocentesco.

I crolli impediscono di individuare l’ingresso della quarta torre, sul retro del mastio. Nella massa muraria del bastione è anche risparmiato un piccolo silo, profondo m 2.90, accessibile dagli spalti attraverso un vano-scala.

Attorno al nuraghe si distinguono i resti di un antemurale munito di torri e e alcune strutture pertinenti al villaggio.

Lo scavo del nuraghe ha restituito materiali che documentano la frequentazione del sito dalla fase più tarda del Bronzo medio sino al Bronzo finale/primo Ferro. Sono attestati inoltre riusi in età punica, romana ed altomedievale (A. Usai et alii 2009, BIBH 00006500).

L’insediamento di Nuracale testimonia insieme ad altri siti della zona l’occupazione capillare del pianoro di Sennariolo e Scano Montiferro, delimitato a Nord dalla gola del Riu Mannu. Il nuraghe Nuracale ha rappresentato il punto di riferimento per le comunità nuragiche che lo hanno edificato e che hanno vissuto nel villaggio ad esso circostante.

Successivamente, le risorse che il territorio offriva e la collocazione geografica dell’area sono state probabilmente alla base anche della lunga occupazione del sito in età storica (A. Usai et alii 2009, BIBH 00006500).

 

Bene tutelato

Tipo provvedimento: L. 1089/1939 art. 2, 3

Data provvedimento: 04/06/1965

Istituto competente: Soprintendenza ABAP Cagliari e Oristano

Informazioni utili

Ingresso: Libero

Distanza a piedi: 100m

Sentiero segnalato: No

Difficoltà: Facile

Altitudine: 399m

Accessibilità motoria: Non accessibile

Unisciti al nostro nuovo canaleTelegram – Entra

Come arrivare al Nuraghe Nuracale

Scopri la sardegna

Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
L’isolotto dei fichi d’India, un  mini paradiso nel golfo di arzachena
L’isolotto dei fichi d’India, un mini paradiso nel golfo di arzachena
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *