Il pane degli angeli, e altri curiosi nomi sardi dei semi di malva
Condividi con i tuoi amici

I semi della malva, in Sardegna molti li chiamano "pane degli angeli"

Ucam banner

In Sardegna sono molto conosciuti come “pane degli angeli, ma in realtà sono tanti i nomi attribuiti ai piccoli semi verdi della malva.

Molti sardi hanno piacevoli ricordi legati a questi piccoli semi, soprattutto chi trascorreva le giornate a contatto con la natura tra le campagne della Sardegna. La maggior parte dei bambini di oggi invece, e più in generale i giovani, non hanno la minima idea di cosa siano.

I semi di malva infatti, sono legati a un passato ormai lontano dai nostri giorni, quando i bambini ancora giocavano e vivevano all’aperto, scoprendo e imparando ogni giorno cose nuove.

Erano tanti i nomi attribuiti a questi piccoli semi, come erano diversi anche gli usi.

Conosciuti da molti come pane degli angeli, nelle diverse zone dell’isola erano chiamati in sardo pane e deusu, pane e oro, pane e casu, pane e ainu, pane e gloria, pane nettu, pane mundu, arrescoteddu, casisceddu, narbedda, nabredda, marmuzza, ma anche formaggini e pane del soldato.

Molti sardi ancora ricordano grandi scorpacciate di questi piccoli semi di malva, altri invece, in particolar modo le bambine li usavano come strumento ludico, per farci collanine o braccialetti. Una cosa è certa, tra i molteplici nomi e i diversi usi, questi piccoli semi hanno fatto parte dell’infanzia di tantissimi bambini sardi.

Leggi anche Il geronticidio in Sardegna, il macabro rituale di morte

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *