Vini sardi falsi doc, scoperta frode da 3 mln di euro
Condividi con i tuoi amici

Vermentino, Cannonau e Monica prodotti con uve non sarde

Autocarrozzeria Vacca Tortolì

Vini sardi falsi doc, uve e vini provenienti dal sud Italia

Sulle etichette indicazioni Doc, Igt e Docg, in realtà quelle bottiglie di Vermentino di Gallura e di Sardegna, Monica di Sardegna, Cannonau e Isola dei Nuraghi, di sardo non avevano granchè.

Questi vini venduti dall’azienda agricola Zanatta, con sede legale a Treviso e stabilimento produttivo a Olbia, erano in gran parte prodotti utilizzando uve e vini provenienti dal sud Italia, Puglia e Sicilia in particolare.

Una frode sia commerciale che fiscale che supera i 3 milioni di euro, scoperta dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Sassari che ha sequestrato anche 5mila ettolitri di vino per un valore pari a 1,5 milioni di euro.

I due amministratori dell’azienda Zanatta sono stati denunciati alla Procura di Tempio Pausania per “dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, frode in commercio aggravata e contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari“.

Altri otto titolari di cantine sarde sono stati invece denunciati per “emissione di fatture per operazioni inesistenti”.

Le indagini condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Gdf di Sassari, guidato dal tenente colonnello Paolo Masciocchi, con la collaborazione dei carabinieri della Compagnia di Bonorva, sono iniziate circa un anno fa e si sono concluse nel luglio scorso.

Secondo quanto riscontrato dai militari, la Zanatta utilizzava documenti di trasporto artefatti e contabilizzava fatture emesse da soggetti locali compiacenti per la fornitura di uva e vino che in realtà arrivavano da oltre Tirreno e che venivano utilizzati per la produzione di vini con indicazione geografica tipica nonché denominazioni di origine controllata e garantita, contravvenendo così ai disciplinari.

I vini falsi doc venivano venduti sia con l’etichetta Zanatta sia ad altre aziende che poi la commercializzavano in buona fede e che risultano quindi parte lesa.

In questo modo la Zanatta avrebbe guadagnato illecitamente circa 3 milioni di euro in tre anni.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *