Razza di Juncu Olbia
Condividi con i tuoi amici
Speciale spiagge Olbia sito

Razza di Juncu o Giunco é la ‘porta d’accesso’ della Costa Smeralda

Il nome è legato ai giunchi che popolano le aree paludose vicine

Razza di Juncu o Giunco, nome legato ai giunchi che popolano le aree paludose vicine, non a caso la natura incontaminata è il leit motiv di questo tratto di costa compresa tra Portisco e l’insenatura di Petra Ruja, all’interno del territorio di Olbia. 

Cala Razza di Juncu, in realtà, comprende quattro spiagge, in mezzo alle quali si affacciano promontori, isolotti e fiordi, creando uno scenario spettacolare, incastonato tra scogli di granito rosa.

Gli arenili alternano sabbia bianca e sabbia dorata, a volte con ciottoli, mentre il limpido mare ti colpirà per il suo blu profondo, con riflessi color verde smeraldo. Il fondale basso è adatto ai bambini, ma è anche meta di appassionati di snorkeling, popolato anche vicino a riva da numerose specie di pesci.

La cala è dotata di numerosi servizi: ampio parcheggio, noleggio di lettini e ombrelloni, scuola e noleggio di attrezzature per il windsurf e chiosco-bar.

A rendere cala Razza di Juncu speciale non è solo la sua indiscutibile bellezza, ma il valore aggiunto dell’ospitalità anche ai cani, rendendola una delle spiagge dog friendly della Costa Smeralda.

Sia i cani che i loro padroni, avranno la possibilità di passeggiare insieme, facendo una nuotata o giocando sul litorale, un posto perfetto per il tuo amico a quattro zampe.

Scrutando il mare, in lontananza scorgerai le isole di Soffi e Mortorio. Verso oriente, invece, si distinguerà il profilo dell’isolotto di Portisco e, più in là, Porto Rotondo e Punta Volpe. A ovest, uno scenografico promontorio abbraccia l’ultima e la più piccola delle quattro spiagge della cala, nota come Razza di Juncu.

Ancora più a nord-ovest, potrai proseguire il tour delle spiagge in Costa Smeralda percorrendo la provinciale 94, nel territorio di Arzachena. Incontrerai Petra Ruja, che si estende ad arco e si caratterizza per le sue rocce rosse, cui deve il nome.

Poi Liscia Ruja, la più grande ed attrezzata spiaggia smeraldina, 500 metri di arenile circondato da cisti e corbezzoli, con la sabbia che si tinge di rosa man mano che ci si avvicina alla battigia.

Proseguendo ci sono la baia di Cala di Volpe e, un chilometro a sud-ovest, il borgo marino di Capriccioli, il cui litorale, incastonato tra graniti rosati e circondato da ginepri e olivastri, si divide in due calette principali, con sabbia soffice e chiara, fondale basso e mare dalle incantevoli tonalità, dal turchese al verde smeraldo.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Come arrivare a Razza di Juncu

Scopri la sardegna

La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
La Casa Campidanese, caratteristiche abitazioni in terra cruda
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
L’incantevole Faro di Punta Sardegna, il guardiano bianco
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
La spiaggia del relitto di Caprera e il naufragio del motoveliero Trebbo nel 1955
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
Il Giardino botanico Maidopis, oasi naturale circondata dalla foresta dei Sette fratelli
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La Foresta di Girgini a Desulo
La Foresta di Girgini a Desulo
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Il Castello di Sassai – Storia e leggenda di un’antica fortezza
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il cerchio magico di Lu Bagnu, la leggenda di una roccia a Castelsardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Su Casu Martzu, come si ottiene il formaggio più “pericoloso” al mondo
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Domus de janas “La Rocca”, la casa della fate di Sedini
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Pranu Trebini – La città di roccia a Villaputzu
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Il Castellaccio dell’Asinara e la leggenda del pirata Barbarossa
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Sa Bovida – Ex carcere spagnolo, oggi particolare museo di Aritzo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Foresta Campidano, risultato di opere di rimboschimento del XX secolo
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
Parco naturale Tepilora, l’unica “Riserva della biosfera” UNESCO in Sardegna
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
La maschera di pietra di Golgo, il guardiano dell’altopiano
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Sa Pinnetta, le antiche costruzioni pastorali tipiche della Sardegna
Arco dei Baci a Sant’Antioco
Arco dei Baci a Sant’Antioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *