Lenticchie e cotechino a Capodanno
Condividi con i tuoi amici

Lenticchie e cotechino l’ultima notte dell’anno per attirare i soldi

Trattoria vecchia cagliari banner 2 1

Lenticchie e cotechino, le origini

Lenticchie e cotechino,  è il piatto che non può assolutamente mancare nel menù della notte di Capodannonon tanto per la prelibatezza del piatto, ma per semplice superstizione.

La tradizione vuole, che mangiare questo piatto la notte di capodanno o il primo giorno dell’anno nuovo dovrebbe essere di buon auspicio per i giorni a venire, o semplicemente portare denaro.

Ovviamente, in pochi riescono ad aver un riscontro da questo rituale, ma in pochi sono disposti a rischiare, proprio per questo, il “sacrificio” di gustare un bel piatto a base di lenticchie e cotechino è scontato.

Lenticchie e cotechino è un piatto iconico che tutti, dal nord al sud dell’Italia, hanno provato almeno una volta.

Si tratta infatti di una preparazione tradizionale presente, praticamente ovunque.

Dal ristorante gourmet alla trattoria, dall’osteria all’agriturismo, così come nelle cucine di casa.

Ma veniamo al dunque: per quale motivo lenticchie e cotechino è diventato il piatto della tradizione? 

Fondamentalmente, si tratta di una tradizione che risale addirittura agli Antichi Romani, che per primi hanno introdotto l’usanza della lenticchia dopo la mezzanotte del 31 dicembre per festeggiare il nuovo anno.

Secondo le antiche credenze, la lenticchia era il simbolo di buon auspicio per gli investimenti futuri.

Per questo motivo, oltre a consumare le lenticchie durante le sfarzose cene della festa, si usava regalarne un sacchetto a parenti e amici, augurando che il tutto si trasformasse in denaro in un futuro prossimo.

Il cotechino, vicino alla lenticchia, è stato accostato probabilmente in età medievale.

I motivi per cui le lenticchie siano oggi associate alla fortuna e a un ritorno economico sono da attribuire soprattutto alla loro forma. Conservate da crude dentro un sacchetto, o cotte assieme al cotechino, danno l’idea di una piccola montagna di monete.

Secondo altre ipotesi, però, l’origine di questa usanza sarebbe da collegare al loro potere nutritivo, le lenticchie, in epoche povere di proteine animali, erano in grado di sfamare chi non poteva permettersi cibi più costosi.

Chiaramente, si tratta di supposizioni e non possiamo sapere quali siano realmente le origini di questa tradizione. D’altronde, è questo il bello della storia, poche certezze e tanti misteri da svelare.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Ai piedi di una sughera l’esatto centro geografico della Sardegna
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Le piscine naturali “Is Caddaias” tra Gadoni e Seulo
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Museo del mattoncino Karalisbrick, la magia dei Lego a Cagliari
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Faro Mangiabarche, le origini del nome
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Sa Trona, incredibile monumento naturale a Escalaplano
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Parco Beranu Froriu, il giardino di Turri e la magia dei tulipani in Sardegna
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
Sella del Diavolo: le 2 leggende sulle origini del nome
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
A Norbello un museo e un parco dedicati al fumetto
L’isolotto dei fichi d’India, un  mini paradiso nel golfo di arzachena
L’isolotto dei fichi d’India, un mini paradiso nel golfo di arzachena
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La leggenda della “Billellera” la fontana di Sorso che rende pazzi
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
La cascata di Capo Nieddu, un tuffo di 40 metri direttamente sul mare
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Nuraghe “Nuracale”, uno dei più imponenti del Montiferru
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Duomo di Oristano, la cattedrale più grande di tutta la Sardegna
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Su Crastu de Santu Eliseu, la domus de janas che fu anche una chiesa
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
Parco di Villascema, la valle dei ciliegi di Villacidro
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *