Il brick San Giorgio, il packaging leggendario
Condividi con i tuoi amici

Un ricordo indelebile nella mente di tutti i sardi meno giovani

sardus pater

Il brick San Giorgio, una storia tutta sarda

Molti ricorderanno subito con un pizzico di nostalgia, quella confezione così carina, a forma di parallelepipedo, dal colore sinonimo di purezza.

Pranzi, cene, battesimi, matrimoni, ad ogni evento c’era sempre lei, la mitica confezione rosa da “tagliare” con le dita o in rari casi (malgrado fosse il metodo consigliato), con le forbici.

Oggi quella confezione non c’é più, e in tanti si sono chiesti il perché, scopriamolo partendo da Zinnigas, dove tutto é nato. 

L’acqua San Giorgio, imbottigliata dalla Sarda  Acque Minerali  S.p.A. nasce all’interno di un parco naturale che si estende per  oltre 100 ettari in terre pressoché vergini e incontaminate, proprio nella località Zinnigas, all’interno del comune di Siliqua.

Con armonia e rispetto dell’ambiente, lavora lo stabilimento in cui vengono valorizzate le sue sorgenti.

Il primo impianto di imbottigliamento, nato insieme all’azienda nel 1964, era dedicato esclusivamente alla sola produzione del prodotto in vetro a rendere e la vendita e distribuzione avveniva dapprima in cassette di legno e successivamente in cestelli di plastica, limitando così per molti anni il mercato alla sola provincia di Cagliari.

Al fine di sviluppare i volumi e valorizzare le risorse intrinseche dell’acqua con appropriate forme d’imballaggio nacque l’idea di utilizzare un materiale di  confezionamento in  cartoncini con la forma di  parallelepipedo, una nuova concezione di confezionamento, quasi provocatoria per una confezione di acqua minerale, capace però di incuriosire ed attrarre, proprio per l’originalità, e restare nella memoria degli acquirenti.

Nel  1977,  dopo tre anni di rigorosi test e sperimentazioni, il Consiglio Superiore della Sanità rilasciò il decreto di imbottigliamento “soggettivo” dell’acqua minerale naturale in cartone politenato.

Anche la decisione del colore fu vincente, dall’etichetta bianca e celeste con delicate venature in rosso, diventò rosa acceso a tutto sfondo con decisi interventi di rosso e celeste nelle scritte e nel soggetto.

Era un’immagine nuova che ancora oggi é rimasta nella memoria dei consumatori.

Nell’arco di 15 anni l’acqua “Made in Sardegna”, si attestò come leader mondiale sul mercato dell’acqua minerale in tetrapak realizzando numeri da capogiro, oltre 80.000.000 di litri venduti all’anno.

Negli anni ’80 l’azienda decise di intraprendere una nuova strada pionieristica, quella del PET. Oggi 100% riciclabile.

Questo nuovo materiale, in quell’epoca usato solo negli Stati Uniti per le bibite gassate, era altamente innovativo.

La S.A.M. fu la prima in Italia ad avviare le sperimentazioni su questo materiale e a ottenere nel 1984 le necessarie autorizzazioni dal Ministero della Sanità (decreto N° 1168/24243 del 17/08/1984) per la vendita di bottiglie in PET della capacità di 250, 500, 1000, 1500, 2000 ml.

Oggi l’azienda ha puntato proprio sul PET i suoi maggiori investimenti, considerando le proprietà fisiche, merceologiche, ambientali ed igieniche di tale materiale.

Tetrapack VS PET

Le bottiglie con PET 100% sono trasparenti e riciclabili, mentre il tetrapak presenta grandi difficoltà proprio nel riutilizzo a fine vita.

Essendo l’obiettivo primario aumentare sempre più la percentuale di riciclato per la creazione delle nuove bottiglie, il tetrapak ha dovuto lasciare spazio al più moderno PET. 

Leggi anche La migliore acqua al mondo é sarda

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *