Su fogadoni de Santu Srebestianu
Condividi con i tuoi amici

Sant'Antoni 'e su fogu e Su fogadoni de Santu Srebestianu, a Gennaio in Sardegna i riti del fuoco

Regalando Sardegna Oristano Banner

Il mese di Gennaio in Sardegna apre l’anno con i colori e il calore dei riti del fuoco. Da millenni infatti, riti pagani e religiosi si mescolano e si fondono per dare vita alle antiche tradizioni.

riti del fuoco di Gennaio in Sardegna, hanno origini veramente antichissime, e da sempre simboleggiano e rispecchiano caratteristiche purificatorie, propiziatorie, divinatorie e consacratorie.

I due Santi celebrati e festeggiati nel mese di Gennaio in Sardegna, a cui si dedicano i riti del fuoco sono, Sant’Antonio Abate con la festa di Sant’Antoni ‘e su fogu, e San Sebastiano con la festa di Su fogaroni de Santu Srebestianu.

Tutto inizia nella notte tra il 16 e il 17 Gennaio con la festa di Sant’Antoni ‘e su fogu, quando in tantissime località della Sardegna (oltre cento) vengono allestiti e accesi grandi fuochi e falò in onore del Santo.

In molti paesi dell’isola, il rito ha inizio alcuni giorni prima, con la preparazione e la scelta del materiale da utilizzare nel giorno della festa dell’accensione. I materiali utilizzati variano di paese in paese. Vengono impiegati diverse qualità di legna, ma anche fascine o intere piante cave all’interno.

Diversi sono anche i nomi con cui è conosciuta la festa, che variano in base alla località e al legname utilizzato per il falò. La festa di Sant’Antoni ‘e su fogu è infatti conosciuta anche con il nome di:

  • Sas Tuvas o Is Tuvas
  • Sas Frascas o Is Frasca
  • Su Romasinu o Su Ramasinu
  • Sos Focos
  • Fugulones
  • Foghilloni
  • Fogoni
  • Is Fogus
  • Is Fogaronis
  • S’Ogulone

Alla raccolta della legna partecipano le persone del paese che collaborano anche al trasporto del materiale insieme a “is carradoris”.Una volta terminata la preparazione del falò, il prete benedice i tronchi e il fuoco, e da quel momento può avere inizio la festa.

Il rito e i festeggiamenti continuano poi per tutta la notte,  il fuoco viene lasciato ardere finché non si spegne da solo, e una volta consumate le fiamme, le ceneri vengono raccolte e utilizzate per allontanare malattie sia degli uomini che del bestiame e per preservare il raccolto da brutte annate e malattie, anche i tizzoni vengono riutilizzati dalla comunità per riaccendere il fuoco nelle case.

La festa di Su fogadoni de Santu Srebestianu si svolge invece tra il 19 e il 24 Gennaio. Probabilmente meno conosciuta rispetto a quella di Sant’Antoni ‘e su fogu, ma comunque sentita e celebrata in tutta l’isola, in particolar modo nel sud Sardegna.

Lo svolgimento e le modalità del rito e della festa sono pressoché identiche alla festa più conosciuta, accade così che nelle 2 settimane di fine Gennaio in Sardegna, si conserva e si vive il fascino della magia dei riti del fuoco.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

Scopri la sardegna

Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Il lago di Baratz, custode di un’antica città perduta
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
Monte Lora – 3 leggende su “La Dormiente” del Sarrabus
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna
La città più antica d’Italia è Sulky, in Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *