telefonata draghi putin

La telefonata Draghi Putin, sono 2 gli argomenti principali del colloquio

“E’ stata a una giornata molto intensa e tutto sommato positiva per il governo e il Paese” – ha detto il Presidente Draghi in apertura della conferenza stampa rilasciata nella giornata di ieri, 26 maggio.

Diversi gli argomenti trattati durante la breve conferenza, tra i quali, l’incontro con il Presidente algerino Tebboune, gli obiettivi del Pnrr, l’accordo sul Ddl Concorrenza, e l’argomento che più ha interessato i giornalisti, la telefonata Draghi Putin.

 

L’INCONTRO CON IL PRESIDENTE ALGERINO

“In mattinata ho avuto un incontro eccellente con il Presidente algerino Tebboune” – ha esordito così il Presidente. “Nel corso di questa visita, prima di tutto sono stati firmati molti accordi che vanno dall’energia, alle micro imprese, all’informazione finanziaria”.

“E’ stato esaminato inoltre – continua – un lungo elenco di progetti che si possono intraprendere insieme. Dalla conversazione è venuta fuori una serie di opportunità per le società del nostro Paese e una grande apertura da parte del Presidente algerino a iniziare una collaborazione che sarà molto più estesa di quanto abbiamo mai fatto in passato”.

 

LA TELEFONATA DRAGHI PUTIN

“Nel pomeriggio ho cercato Putin. Lo scopo della mia telefonata – chiarisce Draghi – era chiedere se si potesse fare qualcosa per sbloccare il grano che oggi è nei depositi in Ucraina. Perché la crisi alimentare che si sta avvicinando, e purtroppo in alcuni paesi dell’Africa è già presente, avrà proporzioni gigantesche e conseguenze umanitarie terribili”.

Il Presidente Putin ha detto che questo sicuramente non è sufficiente per risolvere la crisi alimentare perché forse i fabbisogni sono molti di più. Da parte mia ho affermato “sì però almeno quello intanto lo sblocchiamo”, altrimenti il rischio è che poi vadano a male, che tutto questo deposito di grano marcisca.

Un discorso abbastanza lungo durante la telefonata Draghi Putin, ma che racchiude 2 temi essenziali: Il grano e il gas.

 

GLI OBIETTIVI DEL PNRR

“Oggi si è tenuta anche una riunione del Consiglio dei Ministri, è stata una riunione positiva – ha dichiarato il presidente – Abbiamo passato in rassegna gli obiettivi del Pnrr che devono essere raggiunti entro fine giugno. Abbiamo fatto una disamina su questi obiettivi e sullo stato dell’arte. Sono molto tranquillo, questi obiettivi saranno tutti raggiunti”.

 

L’ACCORDO SUL DDL CONCORRENZA

“Altra notizia positiva di oggi è l’accordo sulla legge della concorrenza, in particolare sui balneari: tutti i partiti, che ringrazio veramente perché è stata una discussione molto lunga e difficile, hanno accettato il fatto che la definizione del valore di indennizzo che deve essere riconosciuto e dato da chi subentra a colui/colei che esce sarà definito dai decreti legislativi predisposti dal Governo”.


“E’ una strada molto naturale nelle leggi delega, dove normalmente i punti, le questioni più tecniche vengono demandati al governo per la loro analisi, la discussione. Mentre i principi di carattere generale, e soltanto quelli, vengono contenuti nella legge delega. E anche di questo chiaramente sono molto soddisfatto”.

11 minuti circa tra domande e risposte, questa la durata della conferenza stampa di ieri, chiusa con le scuse del Presidente ai giornalisti per la brevità del tempo concesso.

 

vigilanza tiger sardegna
BANNER 1.1 N.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *