guerra ucraina 90 giorni

Guerra in Ucraina: Oggi le città più colpite sono Bakhmut, Popasna e Severodonetsk

Siamo arrivati al 90° giorno di guerra, oggi le forze russe hanno intensificato la loro offensiva sull’ultima sacca di resistenza intorno a Lugansk, nella regione orientale del Donbass, in Ucraina, quando il conflitto è entrato nel suo quarto mese.

Dall’invasione di Mosca alla fine di febbraio, il sostegno occidentale ha aiutato l’Ucraina a tenere a bada le offensive del suo vicino in molte aree, inclusa la capitale Kiev, ma la Russia è ora concentrata sulla sicurezza e sull’espansione delle sue conquiste nel Donbass e nella costa meridionale.

“Le prossime settimane di guerra saranno difficili e dobbiamo esserne consapevoli”, ha detto ieri il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky nel suo discorso notturno dopo che leader regionali hanno riferito di pesanti bombardamenti.

“La situazione di combattimento più difficile oggi è nel Donbass”, ha detto Zelensky, individuando le città più colpite di Bakhmut, Popasna e Severodonetsk.

Oggi le forze armate ucraine hanno dichiarato in un aggiornamento di Facebook che le forze russe stavano conducendo “operazioni offensive” senza interruzioni nella regione, aggiungendo che “il nemico sta esercitando un fuoco intenso lungo l’intera linea di contatto”.

Il governatore di Lugansk ha detto che la Russia ha inviato migliaia di truppe per catturare la sua intera regione e che Severodonetsk é sotto un massiccio attacco, avvertendo i residenti che é troppo tardi per evacuare.

“A questo punto non dirò: uscite, evacuate. Ora dirò: restate in un rifugio”, ha detto Sergiy Gaidai su Telegram. “Perché una tale densità di bombardamenti non ci permetterà di radunare con calma le persone e venire a prenderle”.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

coeba oristano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.