"La Stampa" e le sue strane campagne a pagamento su Facebook

"La Stampa" è attiva nelle "sponsorizzate" con obiettivi ben precisi

“La Stampa”, come tante altre testate e migliaia di aziende, utilizza campagne pubblicitarie a pagamento su Facebook per raggiungere il maggior numero di persone possibili, fin qui nulla di strano.

Tra i tanti post “sponsorizzati”, visionabili pubblicamente da qualsiasi utente, ne troviamo tre particolari, uno riguarda Alessandro Orsini, post che, in modo chiaro, punta a mettere in dubbio la credibilità e la conoscenza del Professore, tanto criticato negli ultimi mesi per le sue idee riguardanti la guerra in Ucraina. Questa campagna è attiva dal 16 Maggio 2022, quasi un mese, Orsini dovrebbe essere onorato di tutte queste attenzioni.

Un secondo post riguarda la Russia, un contenuto che punta chiaramente a raffigurare nell’immaginario collettivo un paese tornato agli anni ’80, con auto d’epoca e senza tecnologia, il tutto condito da un clima rovente, pronto a esplodere in proteste o rivoluzioni bolsceviche. Anche questa campagna è attiva dal 27 maggio.

Fra le tante altre campagne attive, non poteva mancare quella dedicata ai non vaccinati, “Da nord a sud è il massiccio ricorso alle strutture sanitarie dei non vaccinati a mettere in pericolo l’assistenza“, questa “sponsorizzata”, è attiva addirittura dall’11 febbraio 2022. Il tema “no vax” non passa mai di moda e “La Stampa“, da vero colosso dell’informazione, cerca di contribuire per fare in modo che questo non accada.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

AFFITTACAMERE DI LOI VILLASIMIUS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.