Cane ucciso a sassate, denunciato allevatore 65enne

Pedro, il cane ucciso a sassate sulla Giara di Gesturi

Il fatto risale a qualche settimana, e non si tratta purtroppo del primo episodio di questo genere

In questo caso il cane ucciso a sassate sulla Giara di Gesturi, era un cane di proprietà, ma come lui, tanti altri cani randagi hanno incontrato lo stesso triste destino.

Pedro, è stato brutalmente ucciso da un allevatore 65enne di Gesturi, mentre si trovava a caccia sulla Giara insieme al suo padrone, un 60enne di Genoni.

L’allevatore 65enne ha colpito il cane più volte alla testa con una grossa pietra, perché – ha dichiarato – voleva difendere il suo ovile dal passaggio dei cani da caccia che attraversano le campagne dell’altipiano.

Il proprietario 60enne, che era a caccia sulla “Giara” col suo cane Pedro, ha spiegato di averlo perso di vista, come spesso accede, e di averlo ritrovato dopo alcune ore di ricerche, grazie al collare GPS.

Il cane purtroppo al momento del ritrovamento era già morto, da pochi minuti, e l’allevatore che lo aveva colpito, si trovava ancora sul posto, a poche decine di metri, intento a nascondere il corpo dell’animale proprio mentre arrivava in zona il proprietario.

L’allevatore a quel punto ha tentato la fuga verso il suo ovile inutilmente.

I carabinieri della stazione di Gesturi, giunti immediatamente sul posto e hanno fatto luce sui particolari della vicenda, e il 65enne allevatore di pecore, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per uccisione di animale.

cri cri villasimius

Grazie per aver letto il nostro articolo, resta sempre aggiornato, non perderti le ultime notizie.

Seguici anche su…

BANNER 1.1 N.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.