TAR Lazio no sospensione da lavoro per non vaccinati

I primi timidi passi verso la "nuova fase" di Speranza

Il Tar del Lazio prende posizione e accoglie i ricorsi di 26 militari.

Con 2 decreti monocratici d’urgenza, pubblicati proprio ieri a poche ore dall’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale, e quindi del green pass rafforzato per i lavoratori over50, il Tar del Lazio fonda le basi per un possibile cambio di rotta.

In 26 appartenenti alle forze militari hanno fatto ricorso al Tar Lazio, chiedendo l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, dei provvedimenti di sospensione dal lavoro, e dello stipendio.

Il Tar accoglie i ricorsi e sospende nel frattempo l’efficacia dei provvedimenti sospensivi impugnati, fissando per la trattazione collegiale la camera di consiglio per il 16 marzo 2022.

I militari vincono quindi la prima importante battaglia, ora si attende la data prefissata, che potrebbe creare un precedente, una linea da seguire che permetta a tutti di ripristinare i propri diritti.

vigilanza tiger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.