Spranza Inizia una fase nuova

La nuova fase di Speranza - "I dati stanno migliorando ma ci vuole prudenza"

Approvate dal Consiglio dei ministri le nuove misure dell’ultimo Decreto Covid.

Due i punti salienti trattati:

  • Nuove regole sulla gestione della scuola, didattica a distanza e quarantena degli studenti
  • Nuove regole su green pass, zona rossa, e viaggiatori che arrivano in Italia

A parlare durante la conferenza stampa del 2 febbraio, il Ministro della Salute Roberto Speranza e il Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi.

“Grazie ai vaccini e con il calo dei ricoveri in queste ultime settimane – ha dichiarato Speranza – entriamo in una fase nuova”

Per quanto riguarda il green pass Speranza ha confermato: ” Il green pass per chi ha fatto la terza dose di vaccino non avrà più limiti di tempo, e se una Regione passa in zona rossa, le limitazioni connesse alla zona rossa non riguarderanno le persone vaccinate”

Per le persone che arrivano in Italia non ci sono modifiche sulle modalità di accesso e di ingresso nel nostro Paese, ma nel caso di persone vaccinate che nei loro Paesi hanno vaccini diversi dai nostri, come quello russo o cinese, oppure europei che hanno una vigenza temporale diversa, l’accesso ai nostri servizi sarà consentito con l’aggiunta di un tampone.

Per quel che riguarda la scuola è stato deciso che i vaccinati non andranno più in Dad e che nei casi sia necessario ricorrere alla Dad questa durerà 5 giorni e non più 10. 

Le modifiche riguardano tutti i gradi della scuola, ma varranno solo per i no-vax o non vaccinati:

  • Per la scuola dell’infanzia i non vaccinati andranno in  Dad raggiunti i 5 casi 
  • Per la scuola primaria i non vaccinati andranno in  Dad raggiunti i 5 casi
  • Per la scuola secondaria i non vaccinati andranno in  Dad raggiunti i 2 casi

Introdotta anche la possibilità di utilizzare il tampone fai da te,

“Stiamo procedendo verso una nuova normalità con tutta la cautela che ci deve essere, perché il virus c’è ancora ed è significativamente presente, sia nelle scuole che nelle nostre vite” – ha dichiarato Bianchi – “Le nuove regole che distinguono gli studenti tra vaccinati e non vaccinati, non sono assolutamente un tentativo di discriminazione da parte del governo, sono invece un indicazione di marcia per il riconoscimento di tutte quelle famiglie che hanno fatto questa scelta”.

I ministri della Lega hanno scelto di astenersi non partecipando al voto sulle nuove norme anti-Covid che riguardano Dad e quarantene a scuola.

I Leghisti hanno precisato che la loro scelta di non votare a riguardo è stata indotta dal fatto che le nuove misure introdotte discriminano i bambini non vaccinati.

Anche Draghi si è pronunciato dichiarando quanto segue: “”Nelle prossime settimane andremo avanti su questo percorso di riapertura sulla base dell’evidenza scientifica, e continuando a seguire l’andamento della curva epidemiologica, annunceremo un calendario di superamento delle restrizioni vigenti”.

Per guardare il video integrale della conferenza stampa Speranza-Bianchi CLICCA QUI

Mecael sinnai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.