shanghai

Shanghai - Lockdown durissimo, scattano le prime proteste

La politica zero-covid del regime cinese di Xi Jinping, non lascia scampo a nessuno, tutti vengono coinvolti, uomini, donne, anziani, bambini e persino gli animali domestici.

A Shanghai la città più grande della Cina con 26 milioni di abitanti  è scattato a fine marzo un durissimo lockdown, in seguito ai diversi casi di contagio, circa 1000 casi accertati sintomatici, e altri 23mila circa asintomatici

La situazione attuale che stanno vivendo i cittadini di Shanghai, ha raggiunto i limiti della logica umana arrivando a rasentare la follia.

IL LOCKDOWN PER I CITTADINI

Oramai diverse zone della città sono quasi del tutto deserte, e i cittadini “più fortunati” costretti all’isolamento nelle loro abitazioni, stanno iniziando a metter in atto delle proteste, causate dall’impossibilità di procurarsi cibo e acqua. 

Secondo alcune fonti non verificabili, sembrerebbe che i bambini delle persone che risultano positive, vengono separati dai genitori e portati in hangar, adibiti esclusivamente all’isolamento dei bambini che hanno avuto contatti con soggetti positivi.

Alcuni video sono comparsi recentemente sui social italiani come Twitter, altri arrivano direttamente dai social cinesi come Weibo.

Nel video recuperato dal social cinese e postato su Twitter il 6 aprile da Alice Su, giornalista cinese del Times, si può vedere una scena surreale, quasi da film, ma la cosa più sconcertante è il messaggio che emerge da questo video. Un drone sorvola una zona della città, dove dai balconi dei palazzi i cittadini protestano per la mancanza di rifornimenti, alcuni cantano, altri gridano.

Il drone, in risposta lancia questo messaggio: “Si prega di rispettare le restrizioni covid. Controlla il desiderio di libertà della tua anima. Non aprire la finestra e non cantare”.

Europcar cagliari villasimius

Un altro video, mostra la rivolta popolare di alcuni cittadini disperati a causa della mancanza di cibo e acqua.

IL MASSACRO DEGLI ANIMALI DOMESTICI

Il governo cinese inoltre, ha disposto che tutti gli animali domestici appartenenti alle persone positive vengano soppressi, in quanto temono che i cani e i gatti delle persone infette siano un vettore di contagio.

In questo video, uno dei meno cruenti che girano sul web, si vedono alcuni uomini delle autorità che catturano e sequestrano in modo barbaro e disumano cani e gatti, caricandoli poi una volta legati, su un furgoncino, mentre un cittadino riprende tutta la scena dalla finestra. 

Grazie per aver letto il nostro articolo, resta sempre aggiornato, non perderti le ultime notizie.

Seguici anche su…

BANNER NotizieSarde insieme a te
CLICCA SUL BANNER E CONTATTACI COMPILANDO IL MODULO OPPURE INVIANDO UNA MAIL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.