Invasione cavallette in Sardegna
Condividi con i tuoi amici

La piana di Ottana è di nuovo sotto assedio cavallette

Invasione cavallette in Sardegna.

La piana di Ottana, nel centro Sardegna, è di nuovo bersaglio delle cavallette.

Nonostante la task force regionale che vede in campo 200 uomini, 40 macchine irroratrici e le app per segnalare i punti critici della schiusa delle uova, gli ettari colpiti potrebbero essere molti di più rispetto ai 60 mila del 2022 sparsi su 26 paesi del centro Sardegna.

Quest’anno si potrebbe arrivare a 100mila ettari, secondo le stime più pessimistiche.

“Ancora una volta le nostre campagne sono in ginocchio – denuncia all’ANSA il sindaco di Noragugume Rita Zaru – I terreni infestati quest’anno aumenteranno notevolmente e il mondo delle campagne, se nel 2022 era in ginocchio quest’anno è disperato.

Se non abbattiamo le cavallette prima che volino arriveranno nei centri abitati ponendo un problema di ordine sanitario. Abbiamo solo 10 giorni di tempo e le macchine irroratrici di disinfestante fanno circa 40 interventi al giorno, ma ce ne vorrebbero almeno 80. Come sindaco cerco di placare gli animi ma gli allevatori sono esasperati, è a rischio la tenuta sociale: ancora non hanno visto 1 euro di ristori e si prefigura un’altra disfatta”.

“Anziché partire in autunno con la movimentazione delle terre, unico strumento efficace per combattere le locuste, si è intervenuti ancora una volta in ritardo – le fa eco Alessandro Serra direttore Coldiretti Nuoro-Ogliastra – la Regione ci ha riempito di studi di settore totalmente inefficaci quando noi dicevamo dall’inizio che con 8 o 10 milioni di euro investiti sull’aratura del 60% del terreno, avremmo potuto parlare di altri numeri. La Regione pensi a erogare i ristori subito perché in 5 anni i lavoratori non hanno visto quasi niente”.

Laore interviene da mesi sul posto e si prodiga per azioni preventive: “Siamo allertati tutti – spiega il commissario straordinario di Laore Mimmo Solina – e stiamo ingaggiando altri uomini e nuove macchine irroratrici per combattere il fenomeno agli stadi iniziali. Da quando è attiva l’app abbiamo avuto oltre 400 segnalazioni. Ma se sulla carta la superficie di deposizione delle uova è di 6mila ettari, vediamo che è arrivata almeno a 20mila e quando le locuste voleranno l’area crescerà enormemente”.

Leggi anche Is Cogas, miti e leggende di Sardegna 

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

ADV creazioni Sinnai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *