In Sardegna nuova colonia di Grifoni, 12 esemplari per il ripopolamento dell'isola
Condividi con i tuoi amici

12 Grifoni arrivati pochi giorni fa dalla Spagna per creare una nuova colonia nel sud Sardegna

Dalla Spagna arriva nell’isola una nuova colonia di Grifoni, una specie quasi del tutto scomparsa e minacciata a livello regionale e nazionale, vulnerabile a livello europeo.

LA VOLIERA DI VILLASALTO, UNA NUOVA BASE OPERATIVA PER LA REINTRODUZIONE AL SUD 

È interamente opera del personale Forestas, che grazie alle collaborazioni ormai ventennali con i migliori gestori faunistici d’Europa, ha messo a punto tecniche costruttive via via migliori.

È la più tecnologica: si tratta di una voliera con capanno di controllo schermato (con vetri specchiati mirastar) monitorata in remoto tramite quattro telecamere, dotata di impianti moderni per la migliore gestione delle fasi di rilascio.

È la prima completata nell’ambito del nuovo LIFE Safe for Vultures dopo quelle costruite ad Alghero (nell’oasi forestale delle Prigionette di Porto Conte) e a Villanova Monteleone (nel cantiere Forestas di Monte Minerva) nel progetto precedente (LIFE Under Grifon Wings).

La disponibiltà di una grossa voliera sul territorio, nei due casi precedenti, permetterà di moltiplicare la presenza dei grifoni come già avvenuto nel Nord Ovest Sardegna, unica area d’Italia in cui non si è mai estinto.
Questa è la terza, realizzata a Villasalto, costruita con grande cura dal personale Forestas facendo tesoro dell’esperienza maturata negli anni e migliorata in alcuni aspetti, per consentire un continuo monitoraggio degli animali e contenere lo stress dovuto alla cattività.

La scelta dell’area di realizzazione ha comportato un attento lavoro di studio e valutazione che non ha trascurato la ricerca storica sulla distribuzione della specie nel Sarrabus-Gerrei e la raccolta di testimonianze dirette che attestano le principali cause della scomparsa. Un lavoro portato avanti negli ultimi anni dal Servizio Tecnico della Direzione Generale insieme al Territoriale di Cagliari.


Da queste basi muove il più ambizioso progetto LIFE Safe for Vultures, che intende riportare il grifone in territori dove è letteralmente sparito da decenni, coinvolgendo in questo processo anche le comunità locali.  Villasalto sarà dunque l’epicentro di una delle operazioni cruciali del progetto, nell’ambito del quale i partner continuano intanto a portare avanti le altre azioni con lo scopo di limitare i principali rischi.

voliera per grifoni sardegna - In Sardegna nuova colonia di Grifoni, 12 esemplari per il ripopolamento dell'isola

NELL’ISOLA UNA NUOVA COLONIA

La Sardegna ha potuto contare, finora, su un’unica colonia residua di Grifoni: quella di Bosa-Alghero.  Il nuovo progetto “LIFE Safe for Vultures” ha come obiettivo quello di assicurare la sopravvivenza a lungo termine della popolazione di grifone in Sardegna, espandendo il suo areale di distribuzione, aumentandone la capacità portantee prevenendo le principali minacce come l’avvelenamento e l’interazione con le infrastrutture energetiche. 

Forestas ha quindi individuato un’area forestale “sicura” nel Sarrabus-Gerrei e ha costruito col proprio personale e grazie alle risorse del progetto una nuova voliera di ambientamento e quarantena, fulcro logistico dei nuovi rilasci (ripopolamento) per creare una nuova colonia nel sud Sardegna e mettere in sicurezza la popolazione sarda di questo meravoglioso grande avvoltoio, rafforzandone la presenza e la diffuzione geografica.

12 GRIFONI DALLA SPAGNA PER RIPOPOLARE IL SUD SARDEGNA

Sono così sbarcati a Porto Torres i primi 12 giovani grifoni che provengono dal porto di Barcellona e stanno per diventare i protagonisti di LIFE Safe for Vulturessi tratta di esemplari, trovati in difficoltà in natura e poi totalmente riabilitati in appositi centri di recupero.

Parteciperanno senza saperlo al piano di ripopolamento per favorire il ritorno dei grifoni nel Sud Sardegna, in un’areale in cui storicamente i loro simili hanno avuto casa fino al secolo scorso, quando svolgevano importanti funzioni ecosistemiche per gli allevamenti estensivi, estinguendosi nel secondo dopoguerra per una serie di concause.

Arrivati nella nostra isola, i grifoni sono stati presi in consegna dal CFVA e dall’Agenzia regionale Forestas, partner del progetto insieme a Veterinaria dell’UniSS, E-Distribuzione e la Vulture Conservation Foundation (VCF). Questo primo contingente di grifoni secondo il responsabile del centro fauna Forestas di Bonassai, comprende animali in buone condizioni e reattivi: l’accurata visita clinica e i prelievi cui sono stati sottoposti serviranno a escludere problematiche sanitarie e se tutto va come auspichiamo, una quarantena di quindici giorni dovrebbe essere più che sufficiente per poi procedere al loro trasferimento a Villasalto.

In Sardegna nuova colonia di Grifoni, 12 esemplari per il ripopolamento dell'isola

Il personale veterinario Forestas presso il Centro di recupero della fauna selvatica (CARFS) di Bonassai-Olmedo, ha provveduto all‘accoglienza e al trasporto nelle voliere di “quarantena” – che li ospiteranno prima del trasferimento nella voliera di acclimatamento realizzata proprio nel territorio di Villasalto

L’equipe coordinata di Forestas ha sottoposto gli esemplari spagnoli ad accurate visite mediche e a scrupolosi controlli sanitari.  In attesa che gli esiti delle analisi del sangue confermino un buono stato di salute, i grifoni sono stati inanellati con un anello metallico e un anello colorato per l’identificazione a distanza.

Si è poi provveduto a verificare con la scansione del microchip che gli animali arrivati dalla Spagna fossero quelli previsti e già schedati. I veterinari si sono occupati, più in generale, di controllare lo stato di salute degli animali anche in seguito ai potenziali stress del viaggio, ma anche di acquisire dati sanitari che potranno tornare utili in seguito: come il peso ad altre misurazioni.

PER UN NUOVO NUCLEO DI AVVOLTOI NEL SUD SARDEGNA

I 12 grifoni che presto potrebbero diventare un nucleo che abiterà i cieli meridionali dell’isola, sono 4 maschi e 8 femmine.  Sono tutti ancora immaturi sessualmente con la sola eccezione di un maschio adulto.

Il ricovero che tutti hanno subito in passato è generalmente seguito a incidenti di varia natura dettati da inesperienza e disorientamento; questi esemplari sono stati curati e riabilitati nel centro Amus di Villafranca de los Barros, in provincia di Badajoz, nella comunità autonoma dell’Estremadura e nel centro Los Hornos di Sierra de Fuentes, in provincia di Cáceres, sempre nell’Estremadura. 

Dei contatti con questi due importanti centri spagnoli, così come altri rapporti di collaborazione e scambi in Germania, Olanda, Turchia, si è occupata la VCF – una ONG impegnata nella conservazione delle specie di avvoltoi europei, esperta di riproduzione in cattività, reintroduzione e protezione di avvoltoi nel loro habitat naturale. Un tassello fondamentale nelle operazioni in programma per il ritorno di questi rapaci nel sud Sardegna.

SE TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici.
Per non perderti le prossime novità attiva la campanella delle notificheseguici sui nostri canali social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *