La polizia scopre piu di 1.000 animali selvatici imbalsamati

La "collezione" include specie protette, di cui almeno una è già estinta

La Guardia Civil, in Spagna, ha sequestrato una collezione privata di oltre 1.000 animali imbalsamati, di cui oltre 400 specie protette. La vasta  collezione, che comprendeva ghepardi, orsi polari e rinoceronti, era esposta in due grandi magazzini a Bétera, in Spagna. Questa è considerata una delle più grandi scoperte di animali tassidermici in Europa e la più grande in Spagna.

Il proprietario della collezione è attualmente indagato per contrabbando e violazione della protezione degli animali, secondo una dichiarazione della Guardia civile spagnola .

La polizia è stata informata di una possibile raccolta di tassidermia a Bétera, una cittadina a nord della città costiera orientale di Valencia, nel novembre 2021. Dopo aver indagato , è stata in grado di individuare i capannoni industriali, che erano di circa 50.000 metri quadrati, e ha trovato un totale di 1.090 esemplari. Dei 1.090 animali, 405 sono protetti dalla Convenzione CITES sul commercio di animali selvatici , un trattato internazionale che mira a proteggere piante e animali in via di estinzione.

La collezione comprendeva anche un orice nordafricano, dichiarato estinto nel 2000, un gruppo di Addax, una specie di antilope del deserto del Sahara in pericolo di estinzione e la tigre del Bengala in via di estinzione. I rapporti mostrano che il museo privato esponeva anche quasi 200 grandi zanne di elefante in avorio, oltre a leoni, leopardi delle nevi e alligatori. Complessivamente, la polizia stima che la raccolta valga oltre 29 milioni di euro (31,5 milioni di dollari).

La Guardia Civil sta attualmente esaminando i documenti forniti dal proprietario della collezione per giustificare la detenzione degli animali di peluche. L’accordo CITES richiede permessi ufficiali per il possesso di esemplari, vivi o morti. Si dice che il proprietario della collezione sia un ricco uomo d’affari di Valencia che afferma di aver ereditato gli  animali di peluche da suo padre, secondo Las Provincias . Non è stato ancora arrestato.

Dopo aver sequestrato la collezione, le autorità spagnole stanno valutando se la collezione possa ora essere esposta nei musei di scienze naturali in Spagna o donata a un’organizzazione senza scopo di lucro per scopi di ricerca, ha riferito Las Provincias.

Video della Guardia Civil

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

odontoiatra tortolì arba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.