Moldavia Transnistria conferma tre attacchi pericolo allargamento conflitto

Confermati tre attacchi terroristici nella Repubblica non riconosciuta, la Transnistria, "cuscinetto" tra Ucraina e Moldavia

Il consiglio di sicurezza della Transnistria ha confermato che tre attacchi terroristici che hanno avuto luogo nella repubblica filo-russa non riconosciuta, lo dichiara il servizio stampa del presidente della Transnistria Vadim Krasnoselsky.

“Sono stati registrati tre incidenti, che hanno causato danni all’edificio del Ministero della Sicurezza di Stato a Tiraspol, a una base militare vicino all’insediamento di Parkany e alle antenne di un centro di trasmissione vicino all’insediamento di Mayak“, si legge nella nota.

Il Consiglio di sicurezza ha alzato il livello di allerta terroristica della Transnistria al rosso.

Martedì, due antenne radio sono state fatte esplodere nell’insediamento di Mayak in Transnistria. Lunedì, l’edificio del Ministero della Sicurezza di Stato della Transnistria è stato attaccato da lanciagranate a mano. Nessuno degli incidenti ha causato vittime. A marzo, le agenzie statali della Transnistria hanno ricevuto diversi messaggi anonimi su bombe piazzate in scuole, strutture mediche e centri commerciali.

Sale l’allerta per un “Donbass 2“, non si esclude un intervento delle forze armate russe, allargando il conflitto in Moldavia, anche quest’ultimo non fa parte della Nato.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 
autocarrozzeria mura lobina cagliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.