firenze

Firenze, nigeriano arrestato per maltrattamenti in famiglia

E’ successo lunedì notte, nel quartiere di Rifredi a Firenze, la polizia, intervenuta in seguito a una segnalazione, ha arrestato un 28enne nigeriano con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

L’uomo in preda a un attacco d’ira, sembrerebbe per motivi di gelosia, ha prima strappato il bimbo di un anno dalle braccia della madre, per poi accanirsi sulla donna insultandola e picchiandola, tentando anche di strangolarla.

La donna, riuscita a divincolarsi, è scappata con l’altro figlio di 3 anni fuori dall’appartamento, rifugiandosi a casa dei vicini, aggrediti dall’uomo mentre aiutavano la donna e il bambino a entrare in casa.

L’uomo a quel punto, avrebbe iniziato a prendere a calci la porta di ingresso tentando di sfondarla, e proprio in quel momento fortunatamente è arrivata la pattuglia, trovandosi davanti l’uomo con il bimbo ancora in braccio che piangeva disperato.

mod'elle selargius

Il 28enne colto di sorpresa, alla vista dei poliziotti, ha letteralmente lanciato a terra il bambino, recuperato miracolosamente da un agente prima che impattasse al suolo.

Una volta messi al sicuro la donna e i bambini, gli agenti hanno provveduto ad arrestare l’uomo, che poi è stato portato al carcere di  Sollicciano.

La donna, tranquillizzata probabilmente dallo stato di arresto del marito, ha raccontato agli agenti che questi episodi di violenza andrebbero avanti da almeno 6 mesi, e che poche settimane fa l’uomo avrebbe minacciato di ucciderla, puntandole un coltello alla gola.

Grazie per aver letto il nostro articolo, resta sempre aggiornato, non perderti le ultime notizie.

Seguici anche su…

BANNER NotizieSarde insieme a te
CLICCA SUL BANNER E CONTATTACI COMPILANDO IL MODULO OPPURE INVIANDO UNA MAIL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.