mandragora

La mandragora è una pianta tossica

La vicina di casa ha regalato delle bietole ai due 70enni, tra le foglie c’erano anche quella di mandragora (detta anche mandragola), una pianta tossica un tempo utilizzata come analgesico, allucinogeno, sedativo e afrodisiaco, oggi non è più utilizzata in campo medico e fitoterapico a causa della sua elevata tossicità. .

La coppia di coniugi è stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di San Gavino Monreale per intossicazione.

Le loro condizioni sono gravi e si attende l’arrivo dell’antidoto che arriverà dalla Penisola, visto che l’unica dosa presente in Sardegna è stata utilizzata per la donna.
L’episodio è avvenuto ieri. La vicina di casa non si è accorta che tra le foglie c’erano anche quelle di mandragora.

I due 70enni hanno mangiato la bietola e poco dopo si sono sentiti male. Sono stati gli stessi coniugi e la vicina a chiamare il 118. Sul posto sono anche arrivati i carabinieri di Villacidro che hanno sentito la vicina di casa. Anche lei aveva mangiato le bietole ma non aveva avuto alcun malessere.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 

non solo carne oristano
BANNER NotizieSarde insieme a te
CLICCA SUL BANNER E CONTATTACI COMPILANDO IL MODULO OPPURE INVIANDO UNA MAIL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *