I prezzi del gas continueranno a salire alle stelle per quale motivo

In mattinata il mercato ha reagito alla sospensione delle forniture di gas a Polonia e Bulgaria aumentando i prezzi del 15%

Gazprom ha sospeso completamente le forniture a Bulgargaz e al PGNiG polacco, spiegando la decisione con il fatto di non aver ricevuto il pagamento per il carburante blu in rubli. 

La società ha avvertito che in caso di ritiro non autorizzato di gas dai volumi di transito verso paesi terzi, le forniture per il transito sarebbero ridotte. Varsavia ha definito le azioni del monopolista russo una violazione del contratto e intende sporgere denuncia contro Gazprom. Gli esperti ritengono che i prossimi paesi che rimarranno senza materie prime dalla Federazione Russa saranno Danimarca, Olanda, Croazia e FranciaL’Austria ha accettato le condizioni della parte russa, in Germania ritengono possibile lo schema proposto dalla Federazione Russa.

No rubli – no gas

Gazprom Export ha notificato a Bulgargaz e PGNiG la sospensione delle forniture di gas dal 27 aprile fino al pagamento secondo la procedura stabilita dal decreto del Presidente della Repubblica Russia. Secondo gli accordi contrattuali, Varsavia e Sofia hanno avuto il tempo di pagare gli anticipi per il gas consegnato ad aprile prima della fine della giornata.

Secondo la fonte di Izvestia nella società polacca di petrolio e gas PGNiG, il 15 aprile la società ha pagato le consegne di marzo e il 26 aprile ha effettuato un pagamento anticipato per aprile, ma non in rubli. Il fatto che la parte polacca non intendesse lavorare secondo il nuovo schema è stato affermato dal commissario governativo per le infrastrutture energetiche strategiche, Piotr Naimsky . Rispondendo alla domanda se la parte polacca accetterebbe di pagare il gas russo in rubli russi, ha detto: “Non pagheremo“.

PGNiG considera la cessazione delle forniture di gas dalla Russia una violazione degli obblighi contrattuali. “La cessazione delle forniture di gas naturale è una violazione del contratto Yamal e, a questo proposito, la società adotterà le misure appropriate per ripristinare le forniture di gas naturale ai sensi del contratto”, ha affermato la società in una nota.

La parte bulgara non ha ancora rilasciato dichiarazioni.

All’inizio di aprile, Alexander Nikolov, capo del ministero dell’Energia del Paese, ha affermato che il rifiuto della Bulgaria del gas russo e il passaggio a fonti di approvvigionamento alternative ne aumenterebbero i costi di almeno il 40%.

In mattinata il mercato ha reagito alla sospensione delle forniture di gas a Polonia e Bulgaria aumentando i prezzi del 15% a 1.300 dollari al metro cubo. M. Secondo Ekaterina Kosareva, managing partner di WMT Consult, questo non è il limite.

” I prezzi del gas continueranno a salire, perché i paesi che oggi non ricevono più risorse russe dovranno cercare sul mercato i volumi necessari “, ha spiegato l’esperto.

Chi sono i prossimi

I prossimi a essere tagliata fuori dalle forniture russe, che non sono d’accordo a pagare il gas secondo lo schema approvato dal presidente della Federazione Russa sarà la danese Orsted, che acquista fino a 2 miliardi di metri cubi di gas all’anno attraverso Nord Stream , prevede Alexey Grivach.

Unisciti al nostro nuovo canale Telegram – Entra 
erboristeria sanaflora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.