La Foresta di Girgini a Desulo
Condividi con i tuoi amici

L’area fa parte del Sito di Interesse Comunitario “Monti del Gennargentu”

Una foresta attraversata da una fitta rete di sentieri di interesse naturalistico

Foresta di Girgini a Desulo

La foresta di Girgini si trova in territorio del comune di Desulo, nella provincia di Nuoro.

La foresta si estende nel massiccio del Gennargentu, più precisamente nei versanti occidentali del Bruncu Spina (1823 m.s.l.m.), a valle di Punta Paolinu (1792 m.s.l.m.) e di Genna Florisa (1822 m.s.l.m.) e nei versanti nord-occidentali di Bruncu Furau (1512 m.s.l.m.), nella vallata delimitata dal Rio Su Fruscu.
La sua estensione raggiunge i 1472 ettari, con un clima di tipo mediterraneo, caratterizzato da inverni mediamente freddi e piovosi e da estati calde e siccitose.

La morfologia della zona è caratterizzata da rilievi con pendenze elevate e quote tra le più alte della Sardegna.

Dal punto di vista geologico prevale la formazione delle filladi grigie del Gennargentu, assieme a scisti e, nelle cime più elevate, filoni di quarzo e piccole creste di porfido rosso (P.ta Paolinu, B.cu Spina e su Sciusciu). All’interno dell’area si identifica inoltre un’area detta dei “tacchi di Girgini” (Su Toni de Girgini e Genna Eragas), costituiti da calcari grigi. Questi rappresentano il residuo della copertura calcarea del periodo giurassico.

All’interno della foresta sono presenti un vivaio forestale ed otto aree attrezzate ad uso ricreativo. Inoltre la foresta è attraversata da una fitta rete di sentieri di interesse naturalistico.

L’area fa parte del Sito di Interesse Comunitario (SIC) “Monti del Gennargentu” (ITB021103), afferente alla Rete Natura 2000.

Aspetti vegetazionali:

La foresta di leccio si estende per complessivi 530 ha circa, tra il rio su Fruscu, Su Pranu ‘e Girgini, S’Elixedda e Genna Eragas.

Il bosco, per lo più governato a fustaia frammista a tratti a ceduo, ha densità e struttura irregolari e si presenta in generale alquanto degradato, a causa delle utilizzazioni irrazionali del passato e dell’eccessivo pascolamento cui è tuttora sottoposto, che ostacola sino a rendere impossibile la rinnovazione naturale, oltre a facilitare i fenomeni erosivi soprattutto nelle aree dove la copertura è più rada.

In condizioni ancor più precarie versano i circa 180 ha di bosco di roverella, oltre i 1.100-1.200 m di quota, in realtà per la gran parte ridotti a pascoli arborati con non più di 50 – 100 piante per ettaro. I fenomeni erosivi sono evidentissimi e la componente arborea, in via di scomparsa, è costituita da vetusti esemplari in pessime condizioni vegetative.

La rinnovazione naturale, pur presente, non riesce ad affermarsi a causa del continuo pascolamento. Per ovviare a ciò da alcuni anni si è iniziato a proteggere le piantine nate da seme, o, dove queste mancavano altre impiantate ex novo, con gabbie metalliche.

Lungo i corsi d’acqua ed i compluvi si trovano formazioni riparie con specie igrofile come l’ontano nero, acero minore, agrifoglio e tasso per circa 25 ha.

Le aree rimboschite con latifoglie autoctone si estendono per 150 ha. Si tratta in parte di impianti radi (300-500 piante/ha) nei quali le piantine sono protette singolarmente con gabbie in rete metallica, per il resto di impianti “tradizionali” con densità maggiori (1000-1200 piante/ha), protetti da recinzioni.

Le piantine sono spesso in cattive condizioni vegetative a causa dei frequenti danneggiamenti da parte degli allevatori della zona e del pascolamento. Nelle aree più elevate o dove le attività umane sono state più intense sono presenti formazioni a gariga assai degradate (450 ha circa) e tare rocciose (100 ha circa).

Aspetti geopedologici:

La morfologia del complesso è caratterizzata da rilievi con pendenze elevate su gran parte del territorio.

I versanti risultano esposti prevalentemente ad ovest e nord-ovest. L’area è in gran parte caratterizzata dalle formazioni delle filladi grigie del Gennargentu, con scisti filladici, a cui nelle cime più elevate si accompagnano filoni di quarzo e piccole creste di porfido rosso (P.ta Paolinu, B.cu Spina e su Sciusciu).

I calcari grigi, residuo della copertura calcarea del giurese, si ritrovano solamente su aree di superficie molto limitata a formare i caratteristici “tacchi” di Girgini (Su Toni de Girgini, Genna Eragas). I suoli possono essere classificati in: Protoranker, Ranker, Litosuoli e Protorendzina. Si tratta comunque sempre di suoli poco evoluti e poco profondi, a profilo (A)-C o A-C, con orizzonte A poco sviluppato, anche se abbastanza ricco in sostanza organica.

Foto: Barbara Mascia e Claudio Kalb

Unisciti al nostro nuovo canale Whatsapp – Entra

Come arrivare a Foresta di Girgini

Scopri la sardegna

La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
Grotta Taquisara a Gairo Sant’Elena, un luogo unico
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
“Un Bosco da Fiaba” e il gufo di legno a Monte Arci
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
Pompu, il posto più lontano da qualsiasi luogo
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
Palmavera, il complesso nuragico ad Alghero
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
Cane malu, la bellezza disarmante della piscina naturale di Bosa
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Il Tempio di monte d’Accoddi, un simil-ziqqurat unico in Europa
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Sa Conca Isteddata, a Irgoli la magia del cielo visto dalla pietra
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Fonte Sacra Su Lumarzu, testimonianze della civiltà nuragica
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Il Museo del Banditismo di Aggius, 4 sale per un’imperdibile viaggio nel passato
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
Burgos in Sardegna e la sua gemella spagnola
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La sorgente sottomarina di Cala Mariolu
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
La casa sull’albero di Allai, una vera chicca da scoprire in Sardegna
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Torre dei Dieci Cavalli a Muravera, lo storico baluardo
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci
Il “Cimitero degli inglesi” a Golfo Aranci

curiosità

La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La leggenda sarda de “Sa Giobiana”, la vecchina temuta dalle tessitrici
La cingomma in Sardegna, e tutti gli altri nomi del chewing gum
La cingomma in Sardegna, e tutti gli altri nomi del chewing gum
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
La Casa della Contessa, la leggenda della villa abbandonata di Costa Rei
“E tui, fill’e chini sesi?”, te l’hanno mai detto?
“E tui, fill’e chini sesi?”, te l’hanno mai detto?
Il fondatore del Cagliari calcio? Un siciliano nel 1920
Il fondatore del Cagliari calcio? Un siciliano nel 1920
La Bardunfula, nei cortili sardi non gira più
La Bardunfula, nei cortili sardi non gira più
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
Su Zichi, alla scoperta del pane tipico di Bonorva
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
La roccia dell’elefante a Castelsardo, un capolavoro tra storia e natura
Arbatax in gara per il titolo di Borgo dei Borghi 2024
Arbatax in gara per il titolo di Borgo dei Borghi 2024
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Su Pisitu aresti, il gatto selvatico sardo raro e bellissimo
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
Culter – A Pattada il museo internazionale del coltello
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La cascata di San Valentino a Sadali, il paese degli innamorati
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di San Valentino “Su Para e Sa Mongia”
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
La leggenda sarda di Marti Perra, il felino guardiano del Martedì Grasso
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
Il Quercino sardo, piccolo roditore endemico della Sardegna
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
La maledizione di Rebeccu, il paese fantasma
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
In Sardegna, la bellezza spontanea dell’Orchidea Aresti
I Tenores di Bitti a Sanremo, stasera il canto a tenore sardo sul palco dell’Ariston
I Tenores di Bitti a Sanremo, stasera il canto a tenore sardo sul palco dell’Ariston
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Il Ragno Nuragico, scoperto 10 anni fa e finora avvistato solo in Sardegna
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico
Grotta Corbeddu, custode dei segreti dell’uomo sardo preistorico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *